Home | Alto Adige | La Provincia di Bolzano interviene in giudizio alla Consulta

La Provincia di Bolzano interviene in giudizio alla Consulta

La Giunta ha deciso di ricorrere alla Corte Costituzionale per difendere due articoli della legge Omnibus Nr. 5/2021

Nella legge Omnibus N. 5, votata dalla Giunta provinciale in primavera e dal Consiglio provinciale a luglio, è contenuta una serie di modifiche normative in diversi settori. Ora il Consiglio dei ministri a Roma ha sollevato la questione di legittimità costituzionale su alcune di tali norme, in particolare rispetto a quelle che riguardano le «Disposizioni sugli appalti pubblici» e la «Promozione della banda larga sul territorio della provincia».

Il primo articolo contestato dal Consiglio dei Ministri (art. 26) è un'integrazione della Legge provinciale sugli appalti e prevede che nel caso di procedure di gara per l'affidamento di lavori di importo inferiore a 500.000 euro le stazioni appaltanti possano prescindere dal richiedere all'esecutore dei lavori «una polizza di assicurazione che copra i danni subiti dalle stazioni appaltanti stesse a causa del danneggiamento o della distruzione totale o parziale di impianti e opere nel corso dell'esecuzione dei lavori (...) a condizione che il soggetto affidatario sia munito di polizza generica di responsabilità civile».

Si tratta, ha precisato il presidente della Provincia, «di una semplificazione delle procedure. Lo Stato vede in questo provvedimento una distorsione della concorrenza e afferma la propria esigenza di regolamentazione.»
 
 Contestazione sul Piano banda larga 
Il secondo articolo contestato (art. 33) norma la promozione della banda larga sul territorio provinciale tenendo conto delle cosiddette «zone bianche» ossia dove nessuna impresa ha installato o intende installare una rete ad altissima capacità.
Obiettivo: dotare il territorio di un servizio in conformità alle direttive dell'Unione Europea e alle norme di legge in materia di telecomunicazioni.
Il Consiglio dei Ministri sostiene la linea che le misure per l'ampliamento e la diffusione della banda larga vadano gestite e guidate a livello centrale, dal momento che si tratta di misure inserite nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).
 
 La Giunta resiste innanzi alla Consulta 
Oggi la Giunta, su proposta del presidente della Provincia Arno Kompatscher, ha stabilito di resistere in giudizio innanzi alla Corte costituzionale difendendo entrambe le norme contestate.
«Abbiamo elaborato entrambe le norme dopo averle meditate e siamo convinti di aver agito nell'ambito delle nostre competenze, per questo difenderemo la nostra posizione innanzi alla Corte Costituzionale» ha detto il presidente della Provincia a margine della Giunta provinciale.
In merito alla banda larga, le risorse destinate al progetto riguarderebbero decisioni prese prima dell'introduzione nel PNRR di misure in questo settore. Il Governo di Roma ha comunque mostrato disponibilità ad approfondire il tema nell'ambito di un gruppo di esperti, elemento che fa ben sperare secondo il presidente Kompatscher.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni