Home | Alto Adige | Asse ferroviario Brennero: potenziamento già possibile

Asse ferroviario Brennero: potenziamento già possibile

L’importanza e i trend del futuro nel trasporto merci e persone al centro evento della Comunità d’Azione Ferrovia del Brennero (CAB) oggi a Bruxelles

A Bruxelles oggi con il convegno «Collegamenti ferroviari transfrontalieri in Europa: l'asse del Brennero nel cuore del corridoio europeo Scan-Med», manifestazione ufficiale della Comunità d’Azione Ferrovia del Brennero (CAB), sotto la presidenza altoatesina 2021-2022, nell'ambito dell'Anno europeo delle ferrovie 2021.
L’obiettivo mostrare le iniziative intraprese per rendere il corridoio del Brennero più sostenibile e smart. Presentati molti progetti e visioni sulla ferrovia lungo l'asse del Brennero.
L’evento è stato introdotto dall’assessore provinciale alla mobilità Daniel Alfreider e presidente della Comunità d’Azione Ferrovia del Brennero (CAB), insieme al presidente della Camera di Commercio Michl Ebner, vicepresidente della CAB.
 
 Sfruttare già oggi il potenziale della ferrovia  
Sottolineando l’importanza della ferrovia quale infrastruttura della mobilità del futuro e la necessità di sforzi congiunti da parte di tutti gli attori coinvolti per sfruttare già oggi il potenziale della ferrovia l’assessore Alfreider ha detto: «Le recenti misure di potenziamento nel settore dei trasporti di persone hanno dimostrato che i miglioramenti sono possibili ben prima dell’entrata in servizio della Galleria di base del Brennero BBT».
 
Il presidente della Camera di Commercio Michl Ebner, vicepresidente della CAB, nel suo intervento ha sottolineato la necessità di individuare soluzioni congiunte alle sfide che si presentano sull’asse del Brennero.
«Il Brennero è il corridoio più rilevante attraverso le Alpi. Tutti gli enti coinvolti sono chiamati ad individuare soluzioni innovative e costruttive per una mobilità più smart e sostenibile sull’asse del Brennero. Singole misure non sarebbero adeguate al fine di raggiungere gli obiettivi.»
 
Pat Cox, coordinatore del corridoio europeo Scan-Med, che collega la regione scandinava a quella mediterranea, ha ricordato come il Connecting Europe Express, transitato in Alto Adige l’8 e 9 settembre 2021, sia un progetto che ha dimostrato in quale direzione si possa andare: «Più ferrovia, più Europa e più digitalizzazione».
 
 Più digitalizzazione e armonizzazione, nuovi convogli per gli Eurocity  
Nell'ambito dell'evento si sono tenuti due panel: uno sul traffico merci e uno sul trasporto persone sull'asse del Brennero.
Parlando di trasporto merci, si è giunti alla conclusione che è necessaria un’armonizzazione di standard comuni.

Tra i progetti illustrati, si è parlato del progetto per la digitalizzazione dei documenti accompagnatori nel trasporto rifiuti. In tema di trasporto di persone al centro della discussione la digitalizzazione, i diritti dei viaggiatori nel trasporto ferroviario internazionale e i trend del futuro.

Nei prossimi anni, come è stato fatto presente, sull’asse ferroviario del Brennero saranno sostituiti i convogli degli Eurocity e i collegamenti a lunga percorrenza saranno ampliati.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni