Home | Alto Adige | L'autobus elettrico viene testato a 2.000 metri sull'Alpe di Siusi

L'autobus elettrico viene testato a 2.000 metri sull'Alpe di Siusi

Per la prima volta è stato testato un autobus completamente elettrico in alta quota – L'assessore Alfreider: «momento speciale per la mobilità a zero emissioni»

image

>
È in grado di operare su strade accidentate e innevate, cosa che per molti autobus elettrici è ancora impensabile.
Si tratta di un bus snodato completamente elettrico prodotto dalla Mercedes-Benz eCitaro G, che in questi giorni viene testato sull’Alpe di Siusi.
«Si tratta del primo test in assoluto effettuato con un autobus completamente elettrico, lungo 18 metri, per il trasporto pubblico locale a questa altitudine, a circa 2.000 metri, sull’Alpe di Siusi, – afferma con soddisfazione l'assessore provinciale alla mobilità, Daniel Alfreider. – È un momento speciale per la mobilità a zero emissioni.»
 
 Mobilità ancora più sostenibile grazie al bus completamente elettrico  
L'assessore ha partecipato ieri al primo giro di prova dalla frazione di Compaccio, nel Comune di Castelrotto, fino a Saltria e ritorno insieme al coordinatore per l’elettromobilità di Evobus Italia, Andrea Codecasa, al direttore generale della società autobus «Silbernagl», Carlo Greco, ed all’autista Franz Federspieler.
 
«Questi test sono importanti perché gli autobus elettrici e, in futuro, anche quelli a idrogeno o ibridi, potranno raggiungere senza problemi anche le zone montane, – ha affermato Alfreider. – Grazie al piano nazionale di ripresa e resilienza PNRR, gli investimenti che stiamo cercando di ottenere verranno utilizzati in Alto Adige per i nuovi mezzi di trasporto per la mobilità sostenibile.
«L'obiettivo che la Provincia sta cercando di raggiungere è quella di una mobilità a zero emissioni per l’Alto Adige. I test sono dunque un grande passo verso questo traguardo.»
 
 Test di guida su strade accidentate e innevate  
Il bus alimentato da accumulatori allo stato solido, che in questi giorni sta viaggiando sull’altopiano dell’Alpe di Siusi, è descritto dal coordinatore E-Mobility di Evobus Andrea Codecasa come un «gioiello di alta ingegneria tecnologica».
La particolarità di questo autobus è che può essere utilizzato in condizioni climatiche difficili, con temperature basse ed anche su terreni accidentati o su strade innevate.
Il bus elettrico dispone di 140 posti totali ed è dotato di una pompa di calore particolarmente ecologica. Con diversi pacchetti batteria l’eCitaro G raggiunge una capacità totale di 441 kw/h.
 
«La sensazione di guida su questo autobus è davvero fantastica», – ha dichiarato l'autista Franz Federspieler.
«Vogliamo testare questo nuovo ed interessante autobus 6x4 sulle montagne dell’Alpe di Siusi anche durante il servizio di linea. Siamo fiduciosi di poter integrare questi veicoli nel nostro parchetto autobus nei prossimi anni,» – afferma Carlo Greco, direttore generale della società di autobus "Silbernagl", che gestisce la linea all’Alpe di Siusi.
Fino a sabato 15 gennaio sul tragitto da Compaccio a Saltria è possibile, con un biglietto valido, viaggiare utilizzando l'autobus elettrico, ecologico e all’avanguardia.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni