Home | Alto Adige | Alexander Schallenberg: «Lasciamo fiorire l’autonomia»

Alexander Schallenberg: «Lasciamo fiorire l’autonomia»

Il Ministro degli Esteri austriaco definisce l’Autonomia altoatesina un modello di risoluzione dei conflitti delle minoranze, anche in relazione alla guerra in Ucraina

Se oggi Italia, Austria e Onu, possono festeggiare assieme in una bella giornata i 30 anni dal rilascio della quietanza liberatoria, la strada che ha portato a questo successo non deve essere dimenticata, ha detto oggi nel suo intervento al Teatro comunale di Bolzano il Ministro degli Esteri della Repubblica austriaca Alexander Schallenberg.

«Trent’anni fa il comune è stato messo prima della divisione. Oggi l’Autonomia dell’Alto Adige è un modello di riferimento per la risoluzione pacifica dei conflitti delle minoranze, – ha detto Schallenberg. Compito di tutti è rendere questo successo un successo duraturo. – Dobbiamo vigilare sul fatto che lo Statuto di Autonomia si sviluppi ulteriormente e possa fiorire», – ha aggiunto ancora il Ministro degli Esteri del governo Nehammer.
 
In riferimento alla guerra in Ucraina e alla situazione nei Balcani, il Ministro austriaco ha sottolineato che non si tratta di «risolvere i conflitti attraverso il dialogo», come era accaduto con la firma del suo predecessore Alois Mock l'11 giugno 1992. Schallenberg ha parlato di una soluzione frutto della fiducia, del rispetto reciproco e della disponibilità al compromesso, definendo poi l’Autonomia come un fondamento che è sostenibile a lungo termine solo se vi si mette mano continuamente: «correggendola, facendola crescere, rafforzandola, sostenendola».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande