Home | Bolzano | Edilizia, nuova tecnologia per stampare il calcestruzzo in 3D

Edilizia, nuova tecnologia per stampare il calcestruzzo in 3D

Da impresa artigiana a PMI hi-tech: l’altoatesina Metall Concept brevetta una testina di stampa unica al mondo

image

>
Arriva dalla Val Sarentino la prima testina al mondo di stampa 3D inkjet per il calcestruzzo con processo Selective Paste Intrusion. Dopo anni di ricerca e sviluppo, l'imprenditore Kurt Wohlgemuth ha finalmente ottenuto il brevetto.
Cosa contraddistingue l’innovativa tecnologia nata in Alto Adige? Il calcestruzzo Portland liquido viene iniettato su un letto di sabbia a grana grossa tramite gli ugelli Binder Jetting con la testina di stampa di nuova concezione.
Il risultato: è possibile creare oggetti 3D di qualsiasi forma che, contrariamente ai processi convenzionali, necessitano solamente di un modello digitale per la stampa.
«Mentre con il cosiddetto contour crafting non è possibile creare con il calcestruzzo forme sporgenti e sono necessarie strutture di supporto elaborate, con questa testina di stampa, paragonabile alle siringhe per dolci, è possibile stampare liberamente qualsiasi forma e oggetto tridimensionali», spiega Kurt Wohlgemuth.
 
La storia inizia circa 10 anni fa, quando un fabbro - Kurt Wohlgemuth, appunto - decide di realizzare digitalmente una scala, dalla progettazione alla produzione.
«Come artigiano in Val Sarentino bisogna farsi venire in mente qualcosa per sopravvivere», afferma l'imprenditore e inventore.
Per questo, si rivolge a NOI Techpark (all'epoca TIS). Negli anni successivi, grazie a diversi progetti di ricerca e sviluppo, Wohlgemuth mette a punto sistemi di casseforme e processi di stampa innovativi, collaborando con partner industriali e di ricerca.
La prima testina di stampa per cemento Sorel è stata creata in collaborazione con Progress S.p.A., azienda specializzata in calcestruzzo con sede a Bressanone.
Poiché questo materiale offre molte meno possibilità di applicazione rispetto al calcestruzzo, Wohlgemuth ha continuato la sua ricerca e nel 2021 ha brevettato la prima testina di stampa 3D a getto di calcestruzzo al mondo.
 
«Kurt Wohlgemuth è un ottimo esempio di come funziona un progetto di ricerca e sviluppo», afferma il responsabile di Tech Transfer Automotive & Automation di NOI, Johannes Brunner, che ha affiancato fin dall’inizio l’imprenditore.
«Non basta un'idea geniale: ci vogliono anche tanta costanza, coraggio e, soprattutto, una buona rete di partner, in questo caso l'Università Tecnica di Monaco, l'Università di Trento e le società Progress M&A di Bressanone, FIT Additive Manufacturing Group e BASF S.p.A.»
Grazie a questo brevetto, in futuro, Kurt Wohlgemuth potrà realizzare la sua idea: stampare in 3D una scala in calcestruzzo.
Senza dimenticare che il campo di applicazione della nuova testina è ancora più ampio e apre opportunità all'industria altoatesina per ulteriori innovazioni di prodotto e di processo.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni