Home | Pagine di storia | 1ª Guerra Mondiale | La SAT per la rassegna «Il sabato culturale nei rifugi»

La SAT per la rassegna «Il sabato culturale nei rifugi»

«La Grande Guerra nel Gruppo della Presanella», sabato 8 agosto, ore 17.30, rifugio Stavel - F. Denza

image

La Presanella ieri e la Presanella oggi.

Una passione «granitica» per le vicende storiche legate alla Grande Guerra in Adamello e Presanella ha spinto Marco Gramola, referente per il Consiglio della Commissione Storico Culturale e Biblioteca della SAT ad approfondire la storia della Guerra Bianca, combattuta a quote e ambienti glaciali invivibili.
Una guerra dove i caduti e dispersi erano determinati da gelo, valanghe, crepacci, scarsa alimentazione, più che da azioni nemiche e che portò l'uomo a urbanizzare le alte quote vivendo nel cuore dei ghiacciai, trascinando lassù il massimo dello sviluppo tecnologico europeo, preludio dell'urbanizzazione moderna della montagna.
 
Quali furono in momenti cruciali in Presanella, abbiamo chiesto a Gramola?
«Le avanzate delle truppe italiane nella primavera del 1916 che portarono all'abbandono dell’alta Val di Genova, con il grave rischio di crollo dell'intero fronte Adamello – riferisce Gramola – imposero agli alti comandi imperiali austriaci del III Rajon una sua ristrutturazione.
«Il provvedimento privò il settore confinario di Bondo del controllo delle valli di Borzago e Genova, le quali vennero accorpate ad un nuovo settore Adamello suddiviso in quattro sotto settori, con sede di comando a Pinzolo.
«Il primo, il Nardis nel gruppo Presanella, del quale parlerò in particolare nel nostro incontro di sabato al rifugio F. Denza, il secondo Fontana Bona sul fondovalle di Genova, il terzo denominato Ospedale tra le valli Seniciaga e Lares, e il quarto al Carè Alto alla testata della Val Borzago.»
 
Il sotto settore di Nardis si sviluppò nell'ambito delle più elevate e impervie posizioni del gruppo Presanella, con lo scopo di stabilirsi su sovrastanti postazioni, prospicienti il fronte glaciale della vedretta di Lares e la sottostante val Genova.
La postazione venne provvista di artiglierie e riflettori alle elevate quote dell’Ago di Nardis e cima Botteri, dirette dall’osservatorio di cima Presanella a 3558 m.
Questo tratto del fronte fu alimentato mediante una teleferica in partenza dai pressi dell'antica vetreria di S. Stefano a Carisolo, che con diverse diramazioni aveva uno sviluppo complessivo di circa 20 chilometri. I
l sotto settore Nardis si inseriva quale anello di congiunzione con il II° Rajon (val di Sole) con sede a Fucine, attraverso i passi di Cercen e Presena.
Dall’autunno del 1917 venne ulteriormente rafforzato con la sostituzione delle artiglierie con calibri maggiori e più potenti che però, poco influirono sulle sorti della guerra che rimase, in questo settore sempre lontana dalle linee di fuoco.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni