Home | Pagine di storia | 1ª Guerra Mondiale | Una targa in val di Gatto in ricordo dei caduti

Una targa in val di Gatto in ricordo dei caduti

In una sola notte, nel dicembre del 1916, morirono 36 soldati della brigata di Macerata, sepolti da una valanga

La val di Gatto è sempre stata una valle amena, lontana dal rumore delle città e piuttosto remota.
Come tanti luoghi delle nostre montagne, cento anni fa si tramutò in un inferno, e fu teatro di tragedie e disgrazie, per via della Prima guerra mondiale.
In una sola notte, nel dicembre del 1916, morirono 36 soldati della brigata di Macerata, sepolti da una valanga.
L'episodio è poco conosciuto, e l'associazione Memores, come ha sempre fatto, vuole ricordare quei fatti, e far sì che ciò che fu non venga dimenticato.
Per questo domenica 1 luglio, alle 11 a malga val di Gatto, sotto cima Levante sulle Piccole Dolomiti, verrà posizionata una targa commemorativa.
 
La cerimonia ha il patrocinio del Comune di Ala, e di quella del Comune di Macerata.
Furono di quella città le vittime: si trattava di 36 fanti appartenenti alla terza e alla quarta compagnia della 122ª brigata Macerata.
Morirono sotto una valanga che si staccò la notte del 13 dicembre 1916 e colpì i loro accampamenti.
La cerimonia di posa avrà inizio alle 11, a seguire la sezione cacciatori di Ala offrirà un pranzo.
La salita a malga val di Gatto sarà possibile sia da Marani che dalla località Pozzo, ma esclusivamente con mezzi fuoristrada.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone