Home | Pagine di storia | 1ª Guerra Mondiale | Boemia e val di Ledro: un'amicizia che continua

Boemia e val di Ledro: un'amicizia che continua

Manifestazioni per il decimo anniversario del gemellaggio alla presenza dell'Arcivescovo di Trento e del Presidente della Provincia

image

Profughi ledrensi in Boemia.
 
Boemia e val di Ledro: un'amicizia riscoperta una decina di anni fa, un'amicizia che continua, a dispetto delle sue origini dolorose: l'evacuazione della valle dopo lo scoppio della Prima guerra mondiale e il trasferimento della popolazione civile in Boemia, all'epoca, come il Trentino, parte dell'Impero austroungarico.
La giornata di oggi è interamente dedicata alle manifestazioni per il 10° anniversario dell'inizio del gemellaggio.
Alle ore10.00, presso la chiesa di Molina, la messa officiata dall'Arcivescovo di Trento mons. Lauro Tisi.
È seguito un momento conviviale al quale ha partecipato anche il presidente della Provincia autonoma di Trento, che ha incontrato i promotori del gemellaggio ringraziandoli per l'impegno speso, che quest'anno assume un valore particolare perché cade nel centenario della fine della Grande guerra.
Ricordare il passato, ha sottolineato, vuol dire "vivificare" il presente, rafforzare legami che il tempo non ha sciolto, nel contesto di un'Europa che è chiama a guardare avanti e non indietro, a costruire ponti, alleanze, rapporti di amicizia.
 

Funerale di profughi Trentini in Boemia.
 
Il legame fra Ledro e i paesi boemi ha origini profonde e sentite, che risalgono al primo conflitto mondiale quando, con la dichiarazione di guerra dell'Italia all'Austria-Ungheria nel maggio 1915, i paesi ledrensi furono fatti evacuare e la popolazione trentina trovò rifugio in Boemia, dove rimase per quasi quattro anni.
Nel 2007 i primi contatti, culminati nel 2008 con il gemellaggio tra gli ex comuni della valle e otto comuni boemi. Nel 2009 furono addirittura 500 i ledrensi che si recarono in Repubblica Ceca per l'inaugurazione, presso il santuario di Svatá Hora, del monumento a ricordo dei profughi morti in Boemia durante la Grande Guerra.
Nella serata di oggi, alle 20.30 al Centro Culturale di Locca, l'evento finale con la consegna delle targhe commemorative, la presentazione degli elaborati sull'esodo dei ledrensi realizzati dalle classi quinte elementari di Concei e Molina nell'anno scolastico 2017/2018 e la presentazione del video della scuola di Milin Si esibiscono per l'occasione il Coro Donne In Canto e il Coro Cima d'Oro.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone