Home | Pagine di storia | 1ª Guerra Mondiale | Mercoledì protagonista il canto popolare della Grande Guerra

Mercoledì protagonista il canto popolare della Grande Guerra

Secondo appuntamento di Storie e Storia a cura del Museo della Guerra di Rovereto

Propone il volume «Al rombo del cannon. Grande guerra e canto popolare» il secondo appuntamento del ciclo di Storie e storia a cura del Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto, Accademia Roveretana degli Agiati e Fondazione Museo storico del Trentino.
Mercoledì 20 febbraio saranno gli autori Franco Castelli, Emilio Jona e Alberto Lovatto a dialogare con lo storico Quinto Antonelli nell’appuntamento previsto al Palazzo della Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto, in piazza Rosmini 5 a Rovereto (ore 17.30).
Accompagnato da due cd con 161 registrazioni originali, il libro Al rombo del cannon. Grande guerra e canto popolare (ed. Neri Pozza, 2018) restituisce le ansie, gli affetti, le sofferenze, le invettive, in una parola le passioni di chi partecipò a quell’immane conflitto, che fu un’immersione terribile e cruenta nella modernità e nei suoi nuovi terrificanti strumenti di morte.
Con sei milioni di soldati mobilitati, la Grande Guerra fu anche un conflitto che ruppe i limitati confini linguistici e culturali, fece incontrare e dialogare popolazioni lontanissime l’una dalle altre e realizzò una prima reale unificazione nazionale dando vita a un italiano popolare comune.
 
Al rombo del cannon indaga tutti questi versanti della «guerra cantata» analizzandone le forme musicali e letterarie.
Un contributo straordinario alla storia culturale della società italiana, oltre che una guida illuminante a un repertorio sterminato e multiforme.
Anche se del canto nella Grande Guerra si è scritto molto, il lavoro che sarà presentato mercoledì si presenta come uno studio di ampio respiro storico, antropologico, sociologico e folklorico.
La rassegna letteraria Storie e storia gode del patrocinio della Provincia autonoma di Trento, del Comune di Rovereto e della Fondazione Caritro.
Si concluderà a metà marzo ed è dedicata ancora una volta alla Prima guerra mondiale, intesa nella vasta e plurale accezione già al centro del convegno roveretano del 1985 – «La Grande Guerra Esperienza, memoria, immagini» – e della tradizione di studi che ne ha sviluppato in varie direzioni le suggestioni.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone