Home | Pagine di storia | 1ª Guerra Mondiale | Sentinelle di pietra: di Forte in Forte sul sentiero della Pace

Sentinelle di pietra: di Forte in Forte sul sentiero della Pace

Un ricchissimo ventaglio di proposte, promosso dall’Assessorato alla Cultura e coordinato dal Museo Storico del Trentino e dal Centro Santa Chiara

image

Forte Tenna - Foto Archivio FMST - Ph Carlo Baroni.

Sarebbe riduttivo parlare di Sentinelle di Pietra come di un Festival culturale.
Il patrimonio di eventi proposti in questo percorso, incontra e celebra i luoghi che, forse più di tutti, hanno segnato la storia del Trentino degli ultimi 100 anni.
Le Sentinelle di Pietra sono infatti i Forti che, nel dramma del primo grande conflitto mondiale, erano posti a presidio del confine.
Teatri di indicibili drammi umani, sono oggi luogo di arte, musica, poesia, teatro, escursioni, enogastronomia.
 
Un profondo inno alla vita, un percorso apparentemente disomogeneo data la diversità dei settori, ma sicuramente accomunato da sentimenti come la socialità, l’incontro nella storia e nella natura, la sacralità di un luogo che non si dimentica, una riflessione sul passato, uno sguardo positivo al futuro.
Le novità della rassegna Sentinelle di Pietra 2019 sono state presentate questa mattina nel corso di una conferenza stampa da Gloria Preschern, direttore ufficio Promozione Culturale della Provincia autonoma di Trento, Pino Putignani, consulente per la comunicazione della rassegna, e Francesco Nardelli, direttore del Centro Servizi Culturali S. Chiara.
Ecco nel dettaglio gli eventi che caratterizzeranno questo percorso che, come ci ha tenuto a precisare Pino Putignani, «è ricco di straordinarie proposte in grado di catturare il gusto di ogni genere di pubblico».


 
SENTIERI SILENZIOSI: un ciclo di 10 escursioni animate. Sentieri Silenziosi è un trekking spettacolare per vivere il paesaggio con uno sguardo attento al bioritmo della natura attraverso il cammino, il teatro e la letteratura.
Allenare il corpo nel cammino, immersi profondamente nell’ambiente naturale, verso luoghi di significativa attrazione storica e al contempo coltivare lo spirito con il pensiero letterario e il gioco del teatro.
La grande cornice dell’esperienza è il silenzio ed è anche l’unica regola da seguire per partecipare al trekking.
Un percorso evocativo per scoprire o riscoprire i luoghi della memoria nell’incanto del camminare, del vedere e dell’ascoltare insieme.
A cura di I Teatri Soffiati.
 
FREQUENZE FORTI: 10 visite teatralizzate, o per meglio dire, percorsi sensoriali con dotazione di cuffie wireless.
Le frequenze e le antenne captano segnali, onde di storia che il forte racchiude nelle sue mura, nelle sue pietre.
Uno scrigno di sensazioni e vibrazioni che svelano un secolo di episodi, di avventure, di conquiste.
Uno spettacolo unico, particolare, emozionale; un viaggio cha parte dal telegrafo per arrivare agli smartphone, passando dalla radio e dalla televisione.
Tutto questo è una timeline di sound designer di ricordi che si mixa con le canzoni più importanti che hanno segnato un periodo che va dal 1920 fino ai giorni d'oggi: canzoni di protesta, d'amore, di condanna, di memoria.
A cura di Miscele d’Aria Factory.
 
ALBA FORTE – GUERRA E PANE (Se questi sono uomini): attraverso narrazione, canzoni e video, viene raccontata la storia di Gino, panettiere che ha combattuto nella Grande Guerra e che negli anni successivi si è rifiutato di far parte del partito fascista.
Per questo motivo è stato mandato a Sobibor dove, assieme ad altri prigionieri, ha messo in atto un complotto per distruggere il campo di sterminio.
Lo spettacolo alterna recitazione, canzoni e video. Il ritmo è incalzante, la narrazione è lineare e schietta e, a tratti, nonostante i temi trattati, risulta leggera e ironica. Infine, colazione al forte con pane fresco.
A cura di Teatro delle Quisquilie.
 
FORTI NEL GUSTO: 3 incontri con la Strada del Vino e dei Sapori.
Ad ogni appuntamento, all’imbrunire, si respirerà una romantica atmosfera di altri tempi, protetti da antiche mura custodi di secoli di storia.
Una proposta gastronomica di assoluta eccellenza, studiata per i palati più raffinati ed esigenti e resa magica dalle note del Nuovo Ensemble di Trento.
A cura di Strada del Vino e dei Sapori.
 
EVENTI FORTI: 2 appuntamenti speciali. Il concerto dei berlinesi Symphoniacs (pionieri indiscussi dell’incontro tra classica ed elettronica), quale apertura dell’intero percorso di Sentinelle di Pietra.
Il 22 giugno, presso il forte delle Benne di Levico Terme, una esibizione unica con un omaggio alla storia della musica, da Vivaldi ad Avicii.
Il 28 luglio, invece, presso il forte Belvedere, uno straordinario omaggio del Trentino all’artista Tovel – Matteo Franceschini – in occasione dell’assegnazione del prestigiosissimo premio Leone D’argento della Biennale di Venezia.
Con Matteo si esibiranno l’artista/jazzista Jacopo Mazzonelli e la pianista Eleonora Wegher, dando vita allo spettacolo «The Act of Touch».
A cura di Piattaforma Eventi.
 
PARALLEL STORIES: occasione straordinaria per tutti gli appassionati di arte per assistere ad una mostra in un contesto estremamente affascinante, fil rouge che lega così indissolubilmente l’evento alla biennale «Arte Forte», mostra che dal 2016 porta l’arte contemporanea nei forti del Trentino.
Tale percorso rappresenta anche una importante opportunità di gemellaggio tra forti, all’epoca dislocati in terre di confine: forte di Cadine e forte Tesoro a S.Anna di Alfaedo in provincia di Verona. Willie Bester, Jarmila Mitrikovà & Dàvid Demjanovic, Jackson Nkumanda, Pietro Weber.
A cura dello Studio D’arte Raffaelli.
 
Un ricchissimo ventaglio di proposte, promosso dall’Assessorato alla Cultura della Provincia autonoma di Trento e coordinato da Fondazione Museo Storico del Trentino – Forti del Trentino e Centro Servizi Culturali Santa Chiara.
Importante la sinergia territoriale con i Comuni gestori dei forti (ciascuno rappresentato da un delegato), le Apt territoriali e tutti i soggetti che hanno proposto e cureranno le iniziative.
Un grande tavolo collaborativo per una politica virtuosa dei processi organizzativi sul territorio, mirando ad una eccellenza qualitativa, con una importante offerta culturale che soddisferà i trentini e tutti gli occasionali visitatori che vorranno scoprire il nostro territorio.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni