Home | Pagine di storia | Beniamino Andreatta, un grande uomo italiano nato a Trento

Beniamino Andreatta, un grande uomo italiano nato a Trento

Solo adesso che non c'è più lo si canta come un profeta, e pochi lo furono davvero come lui.

Beniamino Andreatta, nato a Trento l'11 agosto del 1928 e morto a Bologna il 26 marzo 2007 dopo un'agonia durata quasi otto anni, è stato un uomo politico di livello indubbiamente superiore, fuori del comune e per certi versi geniale, certamente dotato di una capacità davvero unica di analisi politica e storica. Quanto dicono di lui i giornali, adesso che non c'è più, è sostanzialmente esatto.
Ma da tempo ormai non era più un Trentino. I suoi legami con la nostra terra erano stati intensi con Bruno Kessler, quando insieme rappresentarono la vera interfaccia culturale tra la realtà locale operativa da una parte e quella culturale accademica e nazionale dall'altra.
Fu per tutta la sua vita più un consulente di rilievo che un politico navigato, e l'Italia stessa deve a lui quelle medesime intuizioni che a suo tempo concesse alla nostra provincia. Una fortuna per il Paese.
Ma soprattutto per il Trentino, che però non ricambiò in termini reali, tanto vero che quando candidò nel 1992 nel collegio della Val di Non, non venne eletto senatore.
Se non è sufficiente spiegare la sua bocciatura con il motto latino «nemo profeta in patria», lo si può intuire ricordando che in quel periodo venne invece eletto senatore un uomo come Erminio Boso, che di cattedratico aveva ben poco. La correlazione Boso-Andreatta è anzi davvero emblematica, proprio perché dimostra quanto il personaggio bolognese fosse lontano dal popolo e quando si ritenesse e quanto fosse al di sopra delle righe, rispetto a Boso che invece incarnava la parte ruspante della nostra gente.
Solo adesso che non c'è più lo si canta come un profeta, e pochi lo furono davvero come lui.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande