Home | Pagine di storia | Recuperata a Passo Coe «Base Tuono», silo di 4 Nike-Hercules

Recuperata a Passo Coe «Base Tuono», silo di 4 Nike-Hercules

Smantellata nel '77, è stata ricostruita a memoria della Guerra Fredda

image

Gli accordi per il disarmo avevano portato al suo smantellamento, ma ora «Base Tuono» viene recuperata e i Nike-Hercules esposti testimoniando i rischi corsi dall'umanità negli anni '70 la trasformano in un centro dal quale diffondere messaggi di pace ed un monito alle generazioni future.

L'appuntamento con la presentazione è fissato per il 3 ottobre.
Raccontare uno spaccato di storia per sottolineare i valori della pace e della convivenza fra i popoli.

Un compito delicato e sempre più di attualità quello affidato a «Base Tuono», situata a Passo Coe, quota 1600 metri, sull'Altopiano di Folgaria.

Attivata nel 1966, era una delle dodici basi missilistiche realizzate nell'area nord-orientale del Paese dall'Aeronautica militare per conto della Nato.

La tensione fra Usa e Urss era ai massimi livelli, il clima era di Guerra Fredda, contrassegnata dalla corsa all'arma nucleare.

La base di Passo Coe («Base Tuono» nel codice NATO) aveva scopi di difesa aerea ed era armata con oltre due dozzine di Nike-Hercules, l'obiettivo dei quali era fronteggiare eventuali attacchi delle forze del Patto di Varsavia.

Ognuno di questi potentissimi missili aveva la possibilità di distruggere un'intera formazione di bombardieri non appena avessero superato lo spazio aereo italiano.

Gli accordi per il disarmo hanno portato al progressivo abbandono di questo sistema difensivo e nell'agosto del 1977 militari e missili lasciarono anche Passo Coe.

Da pochi giorni però, tre imponenti Nike-Hercules sono stati riposizionati sulle rampe.
Alla vigilia dello smantellamento dell'intero complesso (nell'area del quale troverà posto un grande bacino d'acqua per l'innevamento programmato, realizzato con le caratteristiche del laghetto alpino) si è infatti avviato il recupero di una delle tre sezioni di lancio della Base (la Alpha), adesso proposta come elemento di riflessione critica sui rischi corsi dall'umanità durante la Guerra Fredda.

La base trentina (www.parcomemoria.it) sarà l'unico posto in Europa dove un'intera sezione missilistica testimonierà le terribili tensioni che caratterizzarono il confronto tra Stati Uniti ed Unione Sovietica.

Ma il ritorno dei missili, reso possibile dalla collaborazione tra l'amministrazione comunale di Folgaria, la Provincia autonoma di Trento e l'Aeronautica Militare Italiana, rappresenta solo la prima fase di un progetto più ampio, che prevede anche il restauro conservativo dell'hangar in cui i Nike-Hercules erano custoditi, e di altre strutture annesse, come i bunker.

Nell'hangar restaurato, dove sarà posizionato un quarto missile, in orizzontale e parzialmente sezionato a scopo illustrativo, sarà quindi realizzato un percorso storico, culturale e didattico che racconterà cosa fu la Guerra Fredda.

L'apertura di Base Tuono, che sarà ufficialmente presentata domenica 3 ottobre, rappresenta dunque un'importante tappa di avvicinamento al Parco della Memoria, iniziativa che coinvolge oltre trenta istituzioni di Trentino e Veneto.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni