Home | Pagine di storia | Commemorato a Mantova il 201° anniversario di Andreas Hofer

Commemorato a Mantova il 201° anniversario di Andreas Hofer

Oggi alla cerimonia c'era anche l'assessore provinciale Franco Panizza

L'assessore alla cultura, rapporti europei e cooperazione Franco Panizza ha partecipato oggi, in rappresentanza dell'amministrazione provinciale, alla consueta commemorazione dell'eroe tirolese Andreas Hofer, nel 201° anniversario della morte, che si è svolta a Mantova, nel parco intitolato all'oste della Passiria in località Cittadella.

«Siamo qui per ricordare il sacrificio di Hofer e di migliaia di tirolesi in difesa delle proprie tradizioni, della propria storia - ha commentato l'assessore Panizza - e siamo qui anche per rinnovare il nostro impegno a difendere questi valori, in particolare il diritto all'autonomia, al governo della propria terra, all'amore per la patria.
Oggi le popolazioni del Tirolo storico hanno ritrovato l'unità attraverso l'Euregio e stanno costruendo l'Europa dei popoli, per continuare ad essere autonomi e responsabili del proprio futuro.»

Come da consuetudine, Mantova è stata raggiunta da una moltitudine di Schützen del Tirolo austriaco, del Südtirol e del Trentino che ricordato la fucilazione di Andreas Hofer da parte dei francesi.

Era il 20 febbraio 1810, quando presso Porta Giulia, a Cittadella di Mantova, l'eroe della Passiria veniva giustiziato dai soldati di Napoleone, e con la morte del Sandwirt si spegneva definitivamente l'insurrezione popolare tirolese.

Hofer, catturato presso la Pfandleralm il 27 gennaio, era giunto nella città lombarda dopo un viaggio durante il quale i francesi lo aveva esposto in catene in numerosi luoghi, tra i quali anche Trento.

Ad Ala aveva trascorso l'ultima notte nella sua terra, nel corso della quale aveva salvato la vita ai suoi carcerieri, avvelenati dalle esalazioni di una stufa a legna.

Mantova gli riservò grande umanità, raccogliendo una colletta tra i suoi censiti e difendendolo nel processo a suo carico attraverso l'avvocato Basevi.

La cerimonia si è aperta ufficialmente con la rassegna d'onore agli Schützen schierati da parte delle autorità presenti, alla quale è seguita la celebrazione della solenne funzione religiosa, officiata dal rev.

Anton Pfeifer e don Mario Pingera, e l'intervento musicale della banda di Katarinaberg/Shnalas. Poi i discorsi commemorativi da parte del sindaco di Mantova Nicola Sodano, dell'assessore comunale al turismo Vincenzo Chizzini e del Major comandante Christian Stricker.

La cerimonia è proseguita con una salva d'onore sparata al cielo dalla Compagnia d'onore Schützen e la deposizione di una corona presso il cippo di Andreas Hofer.

La conclusione presso il cortile di Palazzo d'Arco, che il 19 febbraio del 1810 ospitò il processo sommario al quale Andreas Hofer venne sottoposto, con i saluti dell'assessore provinciale Franco Panizza, del direttore Rodolfo Signorini e del cavaliere Luigi Giroldi.

«Siamo qui oggi - ha ricordato l'assessore Panizza nel suo intervento, - per commemorare un uomo che ha amato fino all'ultimo la propria terra.
Un uomo sempre vicino ai bisogni della sua comunità, la sua generosità, la sua abnegazione e soprattutto il suo forte spirito di coesione tra le comunità del Tirolo storico, sono valori attuali che dobbiamo fare nostri, concretizzando giorno dopo giorno l'Euro-regione multilingue nel cuore dell'Europa dei popoli, che abbiamo fatto nascere.»

Presenti anche le consigliere provinciali del Trentino Caterina Dominici e dell'Alto Adige Elena Artioli.

Infine, l'inno e la deposizione della corona d'onore davanti alla targa commemorativa in ricordo del patriota tirolese fucilato a Cittadella il 20 febbraio 1810.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni