Home | Pagine di storia | Il 9 marzo di 35 anni fa, la Prima tragedia delle Funivia del Cermis

Il 9 marzo di 35 anni fa, la Prima tragedia delle Funivia del Cermis

Il cavo di traino si accavallò su quello portante, segandolo Morirono 42 persone. Solo una ragazzina sopravvisse

Di quella tragedia ci ricordiamo tutto, anche se le autorità fecero di tutto per farla dimenticare.
Era la fine di quella giornata sulla neve, gli ultimi sciatori stavano scendendo a valle con gli operai addetti agli impianti. D'un tratto il cavo trainante si sovrappose al cavo portante, segandolo letteralmente.
La cabina si perse nel vuoto e cadde per una sessantina di metri.

Delle 43 persone a bordo, solo una sopravvisse miracolosamente. Era una ragazzina di 14 anni, di nome Alessandra Piovesana. Come si può immaginare, ci vollero anni perché riuscisse a riprendersi dalla tragedia, che comunque non avrebbe più dimenticato. Oggi è morta anche lei.
Ed è morto anche il manovratore, Carlo Schweizer, unica persona ritenuta colpevole di quella immane tragedia. Neanche lui avrebbe mai dimenticato.

Schweizer fu un caso umano più che giudiziario. Visto con gli occhi di oggi, venne condannato a tre anni di carcere sostanzialmente per due motivi: non aveva il patentino di manovratore e... un colpevole bisognava pure trovarlo.
La mancanza di patentino avrebbe dovuto far ricadere la responsabilità sui dirigenti, che oggettivamente però non vennero ritenuti colpevoli.
Per il resto, sembra che si sia trattato di una terribile fatalità.

Schweizer venne poi assunto dalle poste per intercessione del senatore Giorgio Postal, che ebbe per lui quella pietas che nessuno voleva riconoscere al povero colpevole.
Come abbiamo detto, è deceduto anche lui. Ha cessato di vivere poco dopo la Seconda Tragedia del Cermis, che accadde il 3 febbraio 1998.

Quando accadde la Prima sciagura, fu una tragedia devastante per tutti. Ricordo di un fotoreporter trentino al quale offrirono l'opportunità di fotografare il mucchio di cadaveri, il quale rifiutò e per questo gli va tuttora la mia piena riconoscenza.

Quando accadde la Seconda sciagura del Cermis, ero in America. Tornato a casa, trovai gli amici americani che mi aspettavano sulla soglia, e compresi dai loro visi che doveva essere accaduto qualcosa di molto grave.

Mi spiegarono che era caduta la funivia del Cermis. Italia, Trentino.
«Ragazzi, - li tranquillizzai - vi ringrazio per l'affetto, ma guardate che è una tragedia accaduta più di 20 anni fa…»
«È accaduto oggi… - Disse piano uno di loro, mentre l'altro mi mostrava un giornale. - È stato uno dei nostri aerei militari… Ti domandiamo perdono…»

G. de Mozzi

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (1 inviato)

avatar
Giorgio Bellotti 18/01/2013
Ascoltando le trasmissioni RAI regione di oggi, hanno parlato del primo Cermis, la prima tragedia. Ho cercato subito la data esatta, ero all'ultimo anno dell'ITI, ed esattamente una settimana prima ero su quella Funivia, e solo per caso non andai anche la successiva domenica sul Cermis. C'era di mezzo "na morosota" ed ero partito alla volta della Valle di Fiemme, da Arco.
Non sono più andato sul Cermis. Un tragico evento che non ho mai dimenticato.
Grato per avere trovato il vostro articolo, affinché ne rimanga sempre memoria, perchè ormai quello che è in rete, è per sempre. E anche se io non lo parlo, sarebbe davvero molto utile scriverne copia in inglese, almeno per questi eventi e negli anniversari.
Un caro saluto. Giorgio
Thumbs Up Thumbs Down
0
totale: 1 | visualizzati: 1 - 1

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni