Home | Pagine di storia | Remo Roncati presenta il suo libro su Alcide De Gasperi

Remo Roncati presenta il suo libro su Alcide De Gasperi

Si tratta del testo col quale lo Statista affrontò il problema del ritorno dell’Italia e degli italiani in Eritrea, Somalia e Libia

La Fondazione Trentina Alcide De Gasperi, in collaborazione con l’Associazione culturale Antonio Rosmini e la Fondazione Alcide De Gasperi di Roma ha organizzato un incontro pubblico per presentare l’ultimo libro di Remo Roncati, Alcide De Gasperi: «partecipare alla ricostruzione del mondo».
L’autore, di professione commercialista, ha diretto dal 1954 al 1966 il Collegio Professionale Agrario di Genale - Merca (Somalia), operando con competenza, umanità e rispetto delle tradizioni locali.
 
Tornato in Italia, fino al 1997 è stato docente e preside presso varie istituzioni secondarie di primo grado e, nel 1988, ha ricevuto dal Ministro della Pubblica Istruzione la medaglia d'oro quale benemerito della cultura, dell'arte e della scuola.
La presentazione del suo libro si terrà venerdì 1 marzo alle 17 nella sala dell’Associazione culturale Antonio Rosimi, a Trento, in via Dordi, 8.
 
Interverranno, insieme all’autore, Maria Romana De Gasperi, Vicepresidente vicario della Fondazione Alcide De Gasperi di Roma, la storica Maria Garbari e Beppe Zorzi, Direttore della Fondazione Trentina Alcide De Gasperi
La politica estera svolta da Alcide De Gasperi nel dopoguerra per il ritorno italiano nelle ex colonie d’Africa (Eritrea, Somalia e Libia), per ottenere la revisione del Trattato di Pace e l’ammissione all’Onu, è al centro della ricostruzione di Remo Roncati.
 
Si tratta di un argomento nuovo nella panoramica degli studi pubblicati sull’opera dello statista: il volume mette in luce il lavoro svolto dagli italiani per valorizzare quei territori, realizzando opere di grande valore civile (dighe, ospedali, acquedotti, scuole, strade, ferrovie, bonifiche, nascita di industrie) e gli sforzi finanziari sostenuti dall’Italia dal 1885 fino al 1940-41, ma senza dimenticare le imposizioni e gli errori compiuti durante il periodo coloniale.
L’attenzione è puntata anche sull’azione che De Gasperi svolse lungo varie direttrici: la prima rivolta a consentire agli italiani che vi avevano vissuto di poter ritornare in quei Paesi.
«L’Italia secondo De Gasperi – scrive la figlia dello statista, Maria Romana, nella prefazione del volume – avrebbe potuto, con spirito di fraternità e solidarietà, sviluppare un’intensa azione in tutti i settori, in modo da portare all’autogoverno i tre Paesi africani, aiutare la formazione di classi politiche preparate e idonee ai tempi nuovi, essere promotrice di democrazia, libertà e pace.»
 
De Gasperi lavorò poi sul fronte diplomatico per ottenere la revisione del doloroso Trattato di Pace, che imponeva forti sacrifici, territoriali e monetari, ad un Paese uscito stremato dalla guerra.
La terza linea d’azione dello statista, che il libro ripercorre, fu quella volta ad ottenere l’ammissione all’Onu (che avvenne solo nel 1955).

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone