Home | Pagine di storia | Il presidente Rossi ricorda Monsignor Iginio Rogger

Il presidente Rossi ricorda Monsignor Iginio Rogger

«La sua scomparsa ci lascia un po' più soli, ma siamo confortati dal ricordo della sua passione religiosa e civile»

Il Presidente Ugo Rossi, a Cracovia per una missione assieme all’assessore Tiziano Mellarini, col quale sta visitando il Centro Giovanni Paolo II, è stato raggiunto dalla notizia della morte di mons. Iginio Rogger.
Di seguito il suo ricordo. 

Apprendo con sincera costernazione della scomparsa di Mons. Iginio Rogger. Da oggi il Trentino non potrà più contare sull’illuminata lucidità di analisi, sulle riflessioni e anche sulle provocazioni di questo grand’uomo, che ha donato l’intera sua esistenza alla Chiesa, ma anche alla storia, alla filosofia, alla teologia.
 
Di sicuro ci mancherà la sua capacità di leggere gli intrecci complessi della storia della Chiesa tridentina e, di conseguenza, anche l’acume con cui ha saputo indagare gli snodi delle vicende umane della nostra terra.
Mons. Rogger ha avuto il merito di approfondire con mente sgombra i contenuti e gli sviluppi del Concilio tridentino, ad esempio, ma ha anche approfondito le tappe che hanno portato la nostra comunità a vivere in prima persona e poi a vedersi riconosciuta un’Autonomia figlia della cocciutaggine contadina dei nostri nonni, come lui stesso ebbe modo di dire, valore etico e storico quindi, che però – raccomandava – ha sempre bisogno di essere coltivato, adattato, aggiornato, vissuto nella quotidianità.
 
In lui era centrale una visione globale dell’esistenza, con quelle luci e quelle ombre, con quelle contraddizioni che talvolta lo conducevano a considerazioni anche amare e non sempre comode: il suo è sempre stato un contributo prezioso, permettetemi di dire «laico», alla conoscenza del presente, tenendo sempre in conto le radici che affondano nella storia più lontana, ma anche i sogni e le speranze specie dei più giovani che guardano al futuro con ottimismo.
 
La sua scomparsa ci lascia un po’ più soli, ma siamo confortati dal ricordo della sua passione religiosa e civile: il suo amore per l’arte lo portò a dirigere con perizia il Museo Diocesano Tridentino; il suo amore per la verità storica lo portò a impegnarsi per l’abolizione del culto del Simonino; il suo desiderio di essere sempre e costantemente “maestro” per i giovani gli diede la forza di fondare l’Istituto di Scienze religiose presso l’Istituto Trentino di Cultura; il suo insopprimibile amore per la propria gente lo indusse a dare un contributo fattivo e concreto di idee per la nascita dell’Euregio Tirolo-Alto Adige/Südtirol-Trentino.
I trentini gli sono grati per tutto ciò: l’eredità che ci lascia avrà il compito di riempire il vuoto della sua morte e ci sarà di guida nei passi che la storia ancora ci riserva.
 
Ugo Rossi

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni