Home | Pagine di storia | La rivista «Il Trentino» compie 50 anni

La rivista «Il Trentino» compie 50 anni

La rivista ufficiale della Provincia ha raccontato mezzo secolo di Autonomia trentina

image

Ha scritto cinquant'anni di storia in 329 capitoli. È questo il ragguardevole traguardo raggiunto da «il Trentino», la rivista ufficiale della Provincia autonoma di Trento, e proprio con una riflessione del presidente Ugo Rossi su mezzo secolo di storia si apre l'ultimo numero, il 329esimo, che sarà nelle case dei trentini tra qualche giorno.
Ma gli occhi della rivista non sono fissati solo sul suo passato.
«Una manovra 4x4 per uscire dalla crisi economica» è il titolo del servizio di apertura, dedicato appunto alla proposta fatta dalla Giunta per il bilancio di assestamento e per consolidare il futuro economico del nostro territorio.
E ancora di prospettive parla l'ampio servizio dedicato all'Autonomia trentina, «Una storia che guarda al futuro», con il prof. Gianfranco Cerea che prevede «La nuova Autonomia sarà responsabile e solidale».
 
Altri temi trattati in questo numero de il Trentino riguardano ad esempio la sanità.
«La rete territoriale degli ospedali: eccellenze e criticità» fa il punto sulla ricognizione effettuata sul campo dall'assessora Donata Borgonovo Re, mentre con questo numero comincia una serie di articoli che spiegheranno «I segreti della protonterapia, una tecnica per vincere le neoplasie».
 
Dopo un ricordo di mons Iginio Rogger da parte del presidente Rossi, tra le numerose notizie ricordiamo quelle che riguardano due nuovi siti internet: il portale dell'Euregio (www.euroregione.info) e il nuovo sito dell'Agenzia Provinciale per l'Ambiente (www.appa.provincia.tn.it).
Due pagine sono interamente dedicate ai giovani in cerca di formazione e di lavoro, una rubrica nuova, questa, che prende le mosse dal seguitissimo sito www.perilmiofuturo.tn.it.
 
Per le celebrazioni ormai imminenti del centenario della Grande Guerra, “il Trentino" vi accompagna in val Genova a scoprirne le bellezze ambientali e le testimonianze del terribile conflitto.
Le tre minoranze linguistiche sono sempre presenti con le loro ultime novità, così come le tematiche dell'Europa sono ospitate in quattro pagine.
Per lo sport, infine, si riporta all'8 giugno 1956 sui tornanti della Trento-Bondone, per rivivere assieme i drammi epici di una tappa che ha scritto una pagina storica del Giro d'Italia.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni