Home | Pagine di storia | Il 16 novembre 1896 la Regia Marina Italiana intervenne a Smirne

Il 16 novembre 1896 la Regia Marina Italiana intervenne a Smirne

Le navi italiane si erano portate in Turchia in difesa dei connazionali durante le «stragi hamidiane»

image

Regia Nave «Re Umberto» - Collezione Giorgio Parodi.
 
A fine Ottocento subirono una pesante recrudescenza i cosiddetti «massacri hamidiani», una serie di eccidi subiti dal popolo armeno durante il lungo regno del sultano dell'Impero Ottomano Abdul Hamid II.
In quel tempo alcune zone dell'Impero Ottomano, abitate da popolazione di origine armena, soprattutto nell'Anatolia, si erano sollevate contro l'Impero ormai in declino.
La repressione ottomana per schiacciare la dissidenza fu davvero brutale. Si parla di oltre 200.000 morti.
Tuttavia, nonostante simili eccidi fossero già avvenuti nel corso della storia contro il popolo armeno sotto l'Impero Ottomano, grazie all'invenzione del telegrafo nel 1890 la notizia dei massacri stavolta si diffuse velocemente in tutto il mondo, causando la condanna dell'accaduto di gran parte delle nazioni civili.
L’Italia non restò inerme.
 
Il 16 novembre 1895, a 1ª Divisione della Squadra Navale Attiva, composta dalle corazzate Re Umberto (foto)e Andrea Doria, gli arieti torpedinieri Stromboli ed Etruria e l’incrociatore torpediniere Partenope, al comando del viceammiraglio Enrico Accinni, lascia Napoli per una missione politico-militare nelle acque del Levante turco dove è in atto da parte degli «hamidiés» governativi la sanguinosa repressione degli armeni che chiedevano alla Sublime Porta eguaglianza e libertà culturale.
Gli «hamidiés» erano battaglioni curdi appositamente costituiti dal Sultano per la loro ferocia e odio etnico nei confronti degli armeni, che trasformeranno l’azione repressiva in un vero genocidio.
 
Le navi, in seguito rinforzate da quelle della 2ª Divisione navale italiana, avevano il compito di salvaguardare la vita e gli interessi delle comunità italiane residenti.
La Squadra Attiva rimarrà in quelle acque fino al rientro a Taranto rispettivamente fra il 31 gennaio e il 3 febbraio 1896, dopo aver sostato a lungo a Smirne due volte e a Salonicco.
Ci fa piacere sapere che tratta di una delle prime operazioni umanitarie della Regia Marina Militare, restiamo come sempre allibiti di fronte al genocidio degli Armeni. Le «stragi Hamidiane» non furono le prime e, purtroppo, non furono neppure le ultime.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni