Home | Pagine di storia | Se ne è parlato ieri mattina al Teatro Zandonai di Rovereto

Se ne è parlato ieri mattina al Teatro Zandonai di Rovereto

Lezioni di storia: Carlo Magno, esempio di lungimiranza e di dialogo con l’Islam

image

>
Secondo appuntamento ieri con il ciclo «Lezioni di storia».
Al teatro Zandonai di Rovereto lo storico e saggista Franco Cardini ha illustrato al folto pubblico presente la decisione di Carlo Magno, forte e innovativa, di instaurare rapporti con il califfo di Baghdad, simboleggiata dal dono, da parte del califfo Harun al-Rashid, del famoso elefante.
Domenica prossima, 22 ottobre, al Teatro Sociale di Trento, con inizio alle 11, è in programma la terza lezione, con Amedeo Feniello, che parlerà sul tema: «San Francesco e il Sultano».
 
Un Teatro Zandonai pressoché esaurito ha accolto ieri mattina Franco Cardini, professore emerito di Storia medievale all’Istituto Italiano di Scienze Umane, salito a Rovereto per il secondo appuntamento inserito nel cartellone delle «Lezioni di Storia».
Tante le persone che hanno seguito il suo appassionato intervento dal titolo «798 d.C. - Carlo Magno e l’elefante».
Un’importante occasione per riscoprire il ruolo di Carlo Magno, i tratti salienti ed innovatori del suo impero, e la lungimiranza dimostrata nel voler stringere rapporti diplomatici con il califfo di Baghdad.
 
E proprio i rapporti tra Oriente e Occidente costituiscono il filo conduttore di questa nuova edizione delle «Lezioni di Storia» che – come ha ricordato Claudio Martinelli, dirigente del Servizio Attività Culturali della Provincia autonoma di Trento – offrono l’opportunità di «approfondire, in luoghi simbolo di cultura e divulgazione quali i teatri Zandonai di Rovereto e Sociale di Trento, le dinamiche e i rapporti fra due mondi lontani, abbattendo i pregiudizi che spesso accompagnano la conoscenza del diverso».
Su questi binari si è mosso Cardini, che si è soffermato sulla passione del re franco per gli elefanti e per le virtù che questi animali simboleggiavano.
Riuscirà ad averne uno albino, che verrà inserito nel serraglio di Aquisgrana dove vivrà per nove anni, circondato di attenzioni e premure.
Si trattava di un esemplare di elefante indiano, al quale venne dato il nome di Abul Abbas, che in arabo significa «Il padre dei doni».
 
L’animale, che giunse nell’anno 801 dopo un viaggio durato ben due anni, era infatti un dono del potentissimo califfo musulmano Harun al-Rashid, con il quale Carlo Magno – che ricambiò la gentilezza inviando a Baghdad due lupi alsaziani oltre ad oggetti preziosi - volle instaurare ottimi rapporti nel tentativo di rafforzare il limes gallico, la frontiera meridionale dell’impero.
Un atteggiamento che denotava lungimiranza e la volontà di avviare un dialogo con il misterioso mondo musulmano.
L’elefante all’epoca era visto come un essere mitologico, simbolo di costanza e fedeltà, ed il suo arrivo ad Aquisgrana venne salutato con meraviglia e gioia.
Nel corso dei secoli, come ha spiegato Cardini, è cambiato il modo in cui è stato raffigurato, venendo però sempre visto come un animale che racchiudeva in sé virtù come la costanza e la fedeltà. Doti che lo portarono ad essere impiegato anche in guerra.
A tale fine l’elefante indiano era considerato più adatto rispetto a quello africano essendo più facilmente addomesticabile.
 
Domenica prossima, al Teatro Sociale di Trento, con inizio alle 11, è in programma la terza lezione. Relatore sarà Amedeo Feniello, che parlerà di «San Francesco e il Sultano».
L’ingresso è gratuito. Ideate dagli Editori Laterza, le «Lezioni di Storia» sono promosse dalla Provincia autonoma di Trento, dalla Regione autonoma Trentino-Alto Adige/Südtirol, dal Comune di Trento e dal Comune di Rovereto, e realizzate con il sostegno di Casse Rurali Trentine, Cavit, Dolomiti Energia e la collaborazione tecnica del Centro Servizi Culturali Santa Chiara.
La partecipazione alle singole lezioni è valida ai fini dell'aggiornamento professionale dei docenti della scuola della Provincia autonoma di Trento.
La frequenza di una lezione corrisponde ad un'ora di formazione.
 
La decisione, forte e innovativa, di instaurare rapporti con il califfo di Baghdad, simboleggiata dal dono del famoso elefante, è stata illustrata dallo storico e saggista Franco Cardini durante il secondo appuntamento con le «Lezioni di Storia».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni