Home | Pagine di storia | Interviste | La nostra breve intervista informale a Lech Walesa

La nostra breve intervista informale a Lech Walesa

«Quale ruolo ha giocato papa Woitila nella liberazione della Polonia?»

image

Alla fine della cerimonia per la consegna dell'Aquila di San Venceslao a Lech Walesa, è stato possibile rivolgere qualche domanda all'illustre ospite della Provincia autonoma di Trento.

Signor Presidente, la domanda che le faccio gliel'avranno fatta centinaia di volte. E la risposta con ogni probabilità, la conosciamo.
Eppure, così come è sempre piacevole farsi raccontare le favole belle anche quando le conosciamo, l'occasione di poterlo sentire direttamente da lei, ci impone di chiederglielo.


Walesa sorride, sotto i suoi inconfondibili baffi bianchi.

Che ruolo ha giocato il Santo Padre Karol Woitila nella rivoluzione polacca che ha portato la libertà in un Paese direttamente controllato dall'Unione Sovietica?
«Fondamentale.» - Risponde, come sapevamo.
«In quel periodo erano di stanza in Polonia 200.000 militari russi e il Paese ospitava parecchie basi atomiche sovietiche. Allora tutto il mondo sapeva che l'unica possibilità per cambiare le cose in Europa Orientale era una guerra nucleare. Quindi era fuori discussione.
«E non era possibile neppure organizzare dimostrazioni popolari di massa, perché i Sovietici sapevano come prevenirle. Erano in grado di organizzare grandi controdimostrazioni di piazza, tali da farci rinunciare a qualsiasi prova che potesse portare al confronto diretto.
«Ed è qui che l'intervento del santo padre fu fondamentale. Ma, si badi bene, il Papa non ha mai voluto combattere né i comunismo né l'Unione Sovietica. Il papa non ha mai fatto politica.
«Karol Woitila ci ha portati in piazza a pregare. E così noi siamo scesi pacificamente in piazza. E ci siamo accorti che eravamo tantissimi, molti di più di quanti ne riuscissero a mobilitare i sovietici.
«Quando ci rendemmo conto che eravamo più numerosi, più forti e sorretti dalla fede, siamo scesi in piazza. Pacificamente. Abbiamo presentato le nostre istanze senza minacciare nessuno. E i Sovietici non osarono fare nulla per impedircelo.
«Poco a poco compresero che era finita. La Polonia non era più sotto il loro controllo. Pian piano se ne andarono. Il resto lo conoscete. Se ne andarono da tutta l'Europa, senza colpo ferire. Si portarono via anche le basi nucleari.»

Dopo di allora cambio tutto, - commentiamo. Poi una battuta. - Rimpianti?
«Rimpianti assolutamente no, - sorride. - Ma grossi problemi li abbiamo avuti. Basti pensare che con i Russi se ne andò anche l'80 percento del nostro mercato…
«Senza l'Europa per la Polonia sarebbe stata la fine.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni