Home | Pagine di storia | Terremoto d'Abruzzo | Dopo terremoto: la Protezione civile di Bolzano lascia l'Abruzzo

Dopo terremoto: la Protezione civile di Bolzano lascia l'Abruzzo

Dopo sei mesi di permanenza il Campo di Sant'Elìa é stato smontato. Dei quasi 500 assistiti, ne erano rimasti nella tendopoli circa un centinaio

In aprile, dopo la richiesta del capo della Protezione civile nazionale Guido Bertolaso, il presidente Durnwalder aveva predisposto l'intervento della colonna di tecnici e volontari provinciali per assistere gli sfollati a Sant'Elia, una frazione de L'Aquila. Volontari dei Vigili del fuoco, della Croce Bianca, del Soccorso alpino dell'AVS e del CAI, della Croce Rossa nonché gli psicologi per l'emergenza e gli assistenti hanno gestito la tendopoli, sotto la direzione della Protezione civile provinciale, fino a pochi giorni fa.

«In questi mesi i compiti sono stati suddivisi tra le diverse organizzazioni, che hanno lavorato in modo egregio.» - Ha commentato Luis Durnwalder.

I vigili del fuoco volontari con il supporto dei soccorritori alpini hanno costruito e tenuto in funzione l'intera tecnica del campo: dall'impianto di acqua potabile al sistema di deflusso delle acque nere, dalla fornitura di corrente elettrica fino alla costruzione di una cappella per il campo.
La Croce Bianca ha garantito l'approvvigionamento dei senzatetto e delle forze d'intervento.
La Croce Rossa si è occupata dell'assistenza medico-sanitaria, gli psicologi per l'emergenza e gli assistenti spirituali hanno sostenuto gli sfollati nel superare i traumi.
Già in estate la protezione civile statale ha disposto di consegnare i campi ad ottobre al Comune. Gran parte della popolazione ora è sistemata in un prefabbricato antisismico o in un alloggiamento provvisorio.

«L'inverno in Abruzzo solitamente si presenta molto rigido e una permanenza nelle tende non é più sostenibile.» - Ha ricordato il direttore della Protezione civile altoatesina Hanspeter Staffler, che con la sua squadra ha elaborato un piano di sgombro del campo.

Il campo gestito dall'Alto Adige nel corso degli ultimi mesi è stato spesso presentato come campo-modello ed è stato visitato dai massimi rappresentanti del Governo.
Ultima visita quella del presidente del Parlamento israeliano Rivlin Reuven con l'ambasciatore di quel Paese Gideon Meir.
Come atto simbolico domenica scorsa sono state montate le campane, recuperate mesi fa dalle macerie della vecchia chiesa e montate al campo, nella nuova chiesa provvisoria della frazione di Sant'Elia.

Conclusa questa esperienza molto importante per la protezione civile, il direttore Staffler sta organizzando con la sua squadra un incontro per ringraziare tutti i volontari e professionisti della protezione civile che hanno dato il loro meglio per aiutare la popolazione abruzzese così gravemente colpita dal terremoto del 6 aprile scorso.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni