Home | Pagine di storia | Terremoto d'Abruzzo | Inaugurata oggi la nuova chiesa a Paganica

Inaugurata oggi la nuova chiesa a Paganica

Presenti anche l'assessore Beltrami e l'arcivescovo di Trento Bressan

Un nuovo, tangibile segno dell'amicizia che lega il Trentino all'Abruzzo dai tempi del terremoto, un'amicizia che non va mai in vacanza e che continua il suo cammino.

E' stata inaugurata oggi - alla presenza fra gli altri dell'assessore provinciale alla solidarietà internazionale Lia Giovanazzi Beltrami e del vescovo di Trento Luigi Bressan - la nuova chiesa di Paganica, realizzata grazie alla collaborazione di molti soggetti diversi: Provincia autonoma di Trento, Comuni e associazioni di volontariato della Val Rendena, diocesi di Trento, diocesi di Bergamo, Provincia di Bergamo.

I bellissimi arredi interni sono opera dei ragazzi della sezione legno dell'Istituto professionale di Trento Sandro Pertini.

Si tratta della più grande chiesa post-terremoto, molto spaziosa ed in grado di ospitare comodamente tre-quattrocento persone.

Sorge in una zona dove prima del terremoto la popolazione poteva contare su sei chiese, oggi totalmente inagibili. La chiesa ha un'architettura contemporanea che però non entra in conflitto con la chiesa storica del paese; quando quest'ultima sarà restaurata, la struttura inaugurata oggi sarà riconvertita a centro polivalente, quindi per usi civili, rimanendo a disposizione del paese.

Un modo anche questo, dunque, per ricompattare la comunità e sanare le ferite lasciate dal tragico sisma dello scorso anno.

Il parroco Don Dionisio, nel corso dell'inaugurazione odierna, ha dedicato la nuova chiesa «agli Angeli Custodi», ossia a tutti i volontari, ai vigili del fuoco, ai membri della protezione civile e delle altre realtà - in particolare quelle trentine - che hanno lavorato senza sosta per l'assistenza alle popolazioni abruzzesi e la ricostruzione di uno dei paesi che erano stati colpiti più duramente dal terremoto.

Alla cerimonia erano presenti numerose autorità religiose e civili, fra cui il vescovo di Trento monsignor Luigi Bressan, numerosi sindaci e vigili del fuoco della val Rendena, guidati da William Bonomi, sindaco di Pinzolo, l'arcivescovo de L'Aquila Molinari e il vescovo ausiliario D'Ercole, il presidente della Provincia de L'Aquila Del Corvo e la Giunta della Provincia di Bergamo.

L'assessore Lia Giovanazzi Beltrami ha portato il saluto della Provincia autonoma di Trento e ha espresso il suo grandissimo apprezzamento per il lavoro svolto dai volontari e da tutte le persone che si sono impegnate nella ricostruzione.

L'assessore alla Solidarietà internazionale e convivenza ha sottolineato l'importanza di ridare al popolo abruzzese così duramente colpito dal terremoto del 6 aprile 2009 luoghi di relazione e condivisione.
«Luoghi come questa chiesa sono importanti perché creano comunità. - Ha detto. - Ed è solo collaborando con gli abruzzesi nel creare comunità che li aiuteremo ad andare avanti e a guardare serenamente al futuro».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni