Home | Pagine di storia | Terremoto d'Abruzzo | Dellai torna all’Aquila a due anni dal terremoto dell’Abruzzo

Dellai torna all’Aquila a due anni dal terremoto dell’Abruzzo

Il grazie del presidente Napolitano per l'impegno nella ricostruzione

image

«Essere qui oggi, in mezzo a tante persone che ancora soffrono per la perdita dei loro cari - ha detto Dellai - è la testimonianza dell'impegno della nostra comunità che sa quanto sia importante agire nell'emergenza ma anche continuare a "esserci, nel difficile cammino della ricostruzione.»

Il presidente della Provincia autonoma di Trento, Lorenzo Dellai, ha spiegato così la sua partecipazione alla solenne cerimonia celebrata stamani a L'Aquila nella basilica Santa Maria di Collemaggio alla presenza del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, del sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei ministri, Gianni Letta e di molte altre autorità civile, religiose e militari.

Stamani la presenza di Napolitano, in una chiesa gremita e resa ancora più suggestiva dall'impalcatura di acciaio che obbliga a ricordare quanto possa essere devastante la natura, è stata un dono per gli aquilani.
Lo ha sottolineato anche il vescovo Giuseppe Molinari nell'omelia che ha toccato in alternanza i temi del dolore, della fede, della speranza. Poi il momento più toccante: la lettura, uno dopo l'altro, dei nomi dei 308 fra uomini, donne, bambini e anziani che all'alba del 6 aprile di due anni fa persero la vita tra le macerie.

Il Capo dello Stato ha salutato il presidente Dellai - giunto a L'Aquila assieme al capo della Protezione civile trentina Raffaele De Col - stringendogli la mano.
È dunque il grazie che il nostro Paese ha rivolto alle centinaia di uomini e donne trentini che dal 6 maggio di due anni fa ad oggi si sono succeduti nei vari turni con cui e' stata gestita la missione in terra abruzzese.

la Protezione civile trentina, come abbiamo ricordato riprendendo tutti gli articoli pubblicati sul terremoto, cominciò a mobilitarsi immediatamente.
Già prima delle 10 del mattino la prima colonna lasciò la caserma di Trento alla volta dell'Abruzzo.
Entro sera il primo campo era già quasi completato.
Cominciò da quel giorno un impegno straordinario, dal quale sono scaturire non solo molte opere che hanno consentito alle comunità colpite dal terremoto di rinascere, ma anche un vero e proprio rapporto di amicizia e di collaborazione fra le due comunità e le istituzioni che le rappresentano.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni