Home | Pagine di storia | Alcide De Gasperi | «La memoria come bussola del futuro»

«La memoria come bussola del futuro»

Mercoledì 4 agosto a Vigolo Vattaro la testimonianza della scrittrice della memoria di origine ebraica Lia Levi all’Agosto degasperiano

image

>
Mercoledì 4 agosto alle 18 al Teatro parrocchiale di Vigolo Vattaro l’Agosto degasperiano incontra Lia Levi, giornalista di origine ebraica e «scrittrice della memoria» che da bambina fu testimone delle persecuzioni razziali in Italia. Nel suo racconto autobiografico ricorre puntuale il monito a non dimenticare e a fare della lezione del passato uno strumento essenziale per orientare le scelte future.
«Velare gli errori passati è un metodo antipedagogico, un metodo pericolosissimo per la gioventù che viene su e che non consce questo passato… Per questo abbiamo il dovere, come governo, ma più ancora come società, come intellettuali, come uomini responsabili di cultura, di ricordare.»
Un filo rosso corre tra queste parole di Alcide De Gasperi e l’esperienza di impegno civile di Lia Levi, scrittrice e giornalista ospite dell’Agosto degasperiano 2021 mercoledì prossimo 4 agosto, alle 18 al Teatro parrocchiale di Vigolo Vattaro.
 
Nata da una famiglia di origini ebraiche, Lia Levi da bambina ha vissuto sulla propria pelle le leggi razziali, scampando alla deportazione solo grazie alla protezione offertale da un convento cattolico romano.
Un’esperienza che ha custodito ed elaborato per anni in silenzio, fino a quando non ha capito che raccontare quella pagina tragica che gli italiani avevano scelto presto di dimenticare, non solo avrebbe reso giustizia alle tante vittime senza voce, ma avrebbe anche offerto un servizio importante al Paese.
Lia Levi ha infatti deciso di rendere pubblica la sua storia solo negli anni ’90, quando in Italia si tendeva a ridimensionare il peso delle Leggi razziali che condussero alla Shoah. Perché «un popolo che non ha memoria, non ha nemmeno futuro» e l’odio, il razzismo, la discriminazione non si sconfiggono nascondendoli, ma raccontandoli. Solo quando il ricordo viene elaborato e si fa, appunto, memoria, il passato non evapora e viene trasportato nel presente, «diventa una cosa su cui pensi, ti offre dei valori e un metro per giudicare. Diventa qualcosa di vivo, che ti consente di capire le pulsioni che l’essere umano ha sempre avuto e ti insegna a riconoscerle. Ed è allora che il passato ti insegna a scegliere.»
 
Una consapevolezza che attraversa la ricchissima produzione letteraria di Lia Levi, a partire dal suo primo grande successo editoriale che ripercorre il periodo buio delle persecuzioni razziali Una bambina e basta, diventato un classico nelle scuole pur non essendo destinato espressamente al pubblico giovanile.
La testimonianza di Lia Levi si riflette nel terzo «sentiero incerto» proposto dall’Agosto degasperiano, dedicato quest’anno ad esplorare strade nuove e possibili per il futuro delle nostre comunità.
Per cambiare non serve solo guardare in avanti, ma anche fermarsi a capire chi siamo e chi siamo stati, senza fare sconti al passato. Diceva ancora una volta De Gasperi, proseguendo il discorso citato in apertura: «Guai agli uomini e guai ai partiti che indulgessero a facili perdoni o a facili dimenticanze e non sapessero imprimere nella coscienza popolare il senso della responsabilità. Perché su questo si fonda il progresso.»
 
 L’ospite 
Scrittrice e giornalista nata nel 1931 da una famiglia di origini ebraiche, Lia Levi da bambina ha vissuto le discriminazioni delle leggi razziali, scampando alla deportazione grazie alla protezione offertale da un convento cattolico romano. Nel 1967 ha fondato «Shalom», importante mensile d’informazione e cultura ebraica che ha diretto per trent’anni. Nel 1994 è uscito il suo romanzo d’esordio, Una bambina e basta, basato sulla sua esperienza personale negli anni delle persecuzioni. Centrale nelle sue numerose opere, rivolte ad adulti e ragazzi, è la memoria dell’ebraismo, che da anni è impegnata a diffondere attraverso incontri con il pubblico e nelle scuole.
Come tutti gli incontri inclusi nel programma dell’Agosto degasperiano – Su sentieri incerti, l’evento è ad ingresso gratuito ma è obbligatoria la prenotazione, da effettuare fino a esaurimento dei posti disponibili attraverso le modalità indicate sul sito della Fondazione (www.degasperitn.it).
L’incontro sarà inoltre trasmesso in diretta streaming sul canale Youtube della Fondazione.
Gli eventi si svolgeranno nel rispetto delle vigenti norme atte a limitare i rischi di contagio da Covid-19.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni