Home | Pagine di storia | Alcide De Gasperi | Premio De Gasperi, istituita la giuria per l'edizione 2022

Premio De Gasperi, istituita la giuria per l'edizione 2022

Il presidente Fugatti: «Ancora più significativo in tempi di guerra il premio dedicato ai Costruttori di Europa» – Ma tuttora non viene coinvolta la stampa online. Chapeau!

La Giunta provinciale, su proposta del presidente Maurizio Fugatti, ha approvato la delibera che individua le figure che andranno a costituire la giuria del premio internazionale «Alcide De Gasperi: Costruttori dell'Europa» che, dopo la pausa forzata per il Covid del 2020, tornerà così ad essere assegnato.

La delibera istituisce l'organismo che vede come presidente il Presidente della Provincia autonoma di Trento, come vice Presidente l'ambasciatore Michele
Valensise che avrà altresì funzioni di coordinamento generale, Angelino Alfano, presidente della Fondazione De Gasperi, Giuseppe Tognon, presidente della Fondazione trentina Alcide De Gasperi, Giuseppe Ferrandi, direttore generale della Fondazione Museo Storico del Trentino, con funzioni anche di segretario della giuria; nonché il direttore o un suo delegato di Corriere della Sera, La Repubblica, La Stampa, il Messaggero, il Sole 24 Ore, Il Giornale, Libero, L'Adige, Vita Trentina, Rttr, Trentino Tv, Tg1, Tg2, Tg3, Tg5, Tgr, Gr1, Ansa, Agi. La Giuria potrà svolgere i propri incontri anche online.
 
«Il ritorno del premio De Gasperi, figura che ha costruito legami di pace e collaborazione dopo un periodo bellico terribile per l'Europa e il mondo, assume oggi un significato ancora maggiore in questa fase in cui la guerra è tornata in Europa, e lancia un messaggio di speranza affinché si possa superare il conflitto in atto e tornare a una fase di pace e di ricostruzione» – sottolinea il presidente Fugatti.
Nelle passate edizioni, avviate nel 2004 e tenutesi con cadenza biennale, i premiati sono stati Helmuth Kohl, Romano Prodi, Felipe Gonzales, Vàclav Havel, Simone Veil, Carlo Azeglio Ciampi, Mario Draghi, Sofia Corradi.

Però ancora una volta vediamo che nella giuria non sono state inserite testate online.
Ovviamente, quando ci sarà la cerimonia, inviteranno eccome i giornali online!
Sembra che a guardare lontano, dopo De Gasperi, Schumann e Adenauer, siano rimasti in pochi.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande