Home | Pagine di storia | Alcide De Gasperi | A Pieve Tesino l’Europa «immaginata da Degasperi»: equità e lavoro

A Pieve Tesino l’Europa «immaginata da Degasperi»: equità e lavoro

Il vice presidente Olivi ha presentato nel paese natale dello statista il percorso «Fabbrica d’Europa»

image

>
A Pieve Tesino muove un percorso inedito che, intrecciando cultura e natura, accompagna alla scoperta del paese natale di Alcide De Gasperi e i valori universali sostenuti nel suo impegno politico.
Un itinerario culturale-naturalistico che dalle porte del paese accompagna i visitatori nei luoghi di maggior interesse: i musei, il Giardino d’Europa e l’Arboreto del Tesino.
«Allo stesso tempo – ha sottolineato il vicepresidente della Provincia autonoma di Trento, Alessandro Olivi – è la realizzazione di un percorso di senso, che scopre le connessioni esistenti tra questi luoghi, tutte parti di una stessa storia: quella del cammino, non ancora concluso, dell’Europa, immaginato da Alcide De Gasperi, fondato su equità e lavoro.»
Tutto questo è «La Fabbrica dell’Europa» e il suo percorso inaugurato ieri, con altre opere, dall’assessore provinciale allo sviluppo economico e lavoro Olivi: interventi importanti che garantiscono ora a Pieve Tesino di candidarsi come luogo eletto per celebrare la memoria di Alcide De Gasperi.
 

 
Il percorso Fabbrica d’Europa, presentato ieri a Pieve Tesino, è frutto della collaborazione tra la Fondazione Alcide De Gasperi, il Comune di Pieve Tesino, il Servizio Sostegno occupazionale e valorizzazione ambientale della Provincia Autonoma di Trento e l'ecomuseo del «Tesino, terra di viaggiatori».
Il progetto nasce dall'esigenza di mettere in rete e presentare in chiave unitaria il ricchissimo patrimonio culturale e naturale del Tesino.
Il percorso Fabbrica d’Europa è un itinerario di circa 4 km che tocca quattro tappe principali: il Museo Per Via, il Museo Casa De Gasperi, il Giardino d’Europa e l’Arboreto.
Lungo l’intero percorso, il viaggiatore è accompagnato da installazioni, e pannelli di testo in diverse lingue, attraverso cui si rivela il racconto fra natura e storia.
«Un’esperienza – ha evidenziato l’assessore Olivi – che ci rivela in maniera assolutamente innovativa l’avventura europea, dal mito ai giorni nostri, di cui Alcide De Gasperi ne fu testimone e protagonista.»
 

 
«La Fabbrica dell'Europa – ha continuato Olivi – non si limita a offrire indicazioni logistiche e segnaletiche, ma realizza un originale racconto culturale, che indaga i punti di contatto tra questi luoghi, animati dalla spinta al dialogo e all’integrazione tra i popoli.
«Una tensione che fa da filigrana all’epopea dell’ambulantato tesino, assume concretezza definitiva nell’esperienza politica degasperiana e resta un disegno aperto al futuro, da rinnovarsi costantemente sulla base dei valori fondamentali custoditi simbolicamente nel Giardino d’Europa e nel vicino Arboreto.
«De Gasperi immaginava l’Europa fondata su valori, quali l’equità e il lavoro, che il Trentino e la sua Autonomia stanno portando avanti. Gli interventi sono stati realizzati dalle donne e dagli uomini del Progettone, a cui dobbiamo il nostro ringraziamento per l’impegno e la passione.
«Si tratta di persone che grazie a politiche inclusive del Trentino contribuiscono attraverso progetti quali il Progettone a rendere la nostra terra migliore. Tutto questo, credo, sarebbe piaciuto ad Alcide De Gasperi.»
 
Nel pomeriggio di ieri, gli ideatori del percorso Fabbrica d’Europa - Sonia Cian e Stefano Cavagna - hanno presentato al pubblico il progetto, ripercorrendo le diverse tappe del percorso.
Nel tardo pomeriggio è seguita la presentazione ufficiale presso il Giardino d'Europa De Gasperi, a cui ha partecipato - oltre al direttore della Fondazione, Marco Odorizzi, e al Sindaco di Pieve Tesino, Carola Gioseffi - anche il vicepresidente della Provincia autonoma di Trento, Alessandro Olivi.
 

 
 La Fabbrica d’Europa 
Il percorso è stato realizzato su progetto dello Studio associato Cavagna e  Cian di Trento.
L’incarico di progettazione fu affidato dalla Fondazione trentina Alcide De Gasperi per il miglioramento degli spazi naturali e dei musei, gestiti a Pieve Tesino, con la collaborazione del Servizio al sostegno occupazionale e valorizzazione ambientale della Provincia autonoma di Trento.
Il percorso mette quindi in rete, attraverso un unico racconto, il Museo Casa De Gasperi, il Museo per Via, l’Arboreto del Tesino e il Giardino De Gasperi.
L’obiettivo dell’intero progetto è la valorizzazione e ls promozione dei luoghi dove nacque e visse lo statista italiano, padre della Nuova Europa.
 
Nel dettaglio, il progetto si è articolato attraverso quattro ambiti. La Fabbrica dell’Europa raccoglie gli allestimenti e gli interventi collocati tra le quattro strutture culturali.
Il suo scopo è quello di legarle in un unico racconto e di accogliere i visitatori, farli parcheggiare e farli incamminare alla visita delle quattro tappe del cammino.
Alla fabbrica segue l’Arboreto del Tesino, testimonianza culturale locale con i suoi nuovi allestimenti.
La «Mitica Europa!» racconta, invece, la nostra Europa dai Miti Greci fino all’unione europea. I luoghi degasperiani sono accessibili grazie anche alla nuova segnaletica pedonale, in grado di indirizzare e guidare il visitatore durante la permanenza a Pieve Testino.
 
Infine, ieri è stato presentato anche l’intervento di risistemazione dell’area «Prà dei Luca» che, grazie al nuovo parcheggio, rappresenta l’inizio dell’itinerario attraverso i luoghi della memoria di De Gasperi e le opportunità culturali e naturalistiche del Tesino.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni