Home | Pagine di storia | Alcide De Gasperi | Partono il 13 giugno le visite guidate al Giardino d’Europa

Partono il 13 giugno le visite guidate al Giardino d’Europa

A Pieve Tesino a sanno proposte ogni giovedì d’estate fino a metà settembre

image

>
Il Giardino d’Europa è una creazione d’arte e di natura nel verde dell’altopiano del Tesino: un’opera da ammirare per la sua bellezza, uno spazio denso di significato, un luogo di meditazione e un ideale completamento della visita al Museo Casa De Gasperi.
Anche quest’estate la Fondazione vuole offrire a tutti la possibilità di conoscere questo giardino speciale, visitandolo accompagnati da qualificate guide che sapranno raccontarne la storia, il fascino e le suggestioni.
Le visite guidate, che saranno proposte fino al 12 settembre, partono ogni giovedì alle 16.30 davanti al Museo Casa De Gasperi di Pieve Tesino e raggiungeranno il Giardino grazie ad una facile passeggiata per le vie del paese.
Il costo è di 2 euro a persona (gratis per i possessori di Valsugana Card).
La prenotazione, consigliata ma non obbligatoria, può essere effettuata chiamando il numero 331 4745389 oppure scrivendo una mail a museo.fdg@degasperitn.it.
 

 
Con la sua particolare forma ad anfiteatro, il Giardino richiama l’architettura del teatro antico, modello del Parlamento europeo e simbolo in ogni tempo di democrazia e libertà.
Nelle sue grandi aiuole fiorite piante autoctone crescono vicino a varietà esotiche arrivate da luoghi lontani: peonie astri, rose, cosmee, digitali, anemoni, campanule, potentille, spiree...
Le fioriture iniziano a maggio e proseguono fino ad ottobre inoltrato, all’arrivo delle prime gelate.
Partendo dal Museo Casa De Gasperi la visita guidata condurrà attraverso il paese di Pieve Tesino e i suoi particolari orti di montagna.
Dopo una facile camminata di un quarto d’ora è previsto l’arrivo al Giardino, che si trova all’ingresso della vasta area verde di 14 ettari dell’Arboreto del Tesino.
A poco a poco verranno svelati i modelli alla base dell’idea progettuale, il legame con De Gasperi, il significato che quest’opera unica nel suo genere vuole veicolare, la scelta delle piante, la relazione tra i luoghi della storia e della memoria, i luoghi costruiti, i luoghi coltivati e il paesaggio.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni