Home | Pagine di storia | Alcide De Gasperi | «Spaesati. Del migrare e di migranti»

«Spaesati. Del migrare e di migranti»

Al via con venerdì 26 luglio l'Agosto degasperiano: Stefano Allievi ed Erica Boschiero

image

Erica Boschiero.

Venerdì 26 luglio alle 20.45 a Levico Terme si terrà il primo appuntamento della rassegna intitolata quest’anno «Lotta contro il tempo»: un programma di 13 eventi con testimonianze, pièce teatrali e concerti, tutti ad ingresso libero.
Un’occasione d’incontro e confronto che con modalità inclusive e informali mira a proporsi come una piccola scuola di cittadinanza.
Questa l’essenza dell’Agosto degasperiano, la rassegna estiva promossa dalla Fondazione insieme ad oltre trenta partner locali che, giunta alla sua quinta edizione, pone al centro un tema fondamentale: il nostro rapporto con il tempo.
Una problematica che è tanto individuale, quanto collettiva e quindi politica.
 
Per andare oltre la lotta contro il tempo che sovente viviamo come una condanna ineluttabile, l’Agosto degasperiano recupera l’invito dello Statista a non accontentarsi di passare freneticamente da una preoccupazione all’altra, perché così facendo perdiamo il senso profondo delle cose e rinunciamo a scegliere le nostre battaglie.
Per questo motivo gli appuntamenti in calendario partono da questa riflessione e danno anima e sostanza a un’unica volontà, quella di capovolgere lo sguardo e fare pace con un tempo, restituendogli un senso.
 
All’inedito duo composto dal sociologo Stefano Allievi e dalla cantautrice Erica Boschiero – accompagnata dal musicista Sergio Marchesini – il compito di dare avvio al percorso, aiutandoci a riportare un tema di scottante attualità dentro alla dimensione temporale che gli è più propria: «Spaesati. Del migrare e di migranti», cercherà di raccontare le migrazioni del passato e del presente come un fenomeno di lungo periodo, abbandonando le più sterili visioni emergenziali che ne precludono una più effettiva comprensione.
La loro originale lezione-concerto incontra per la prima volta il pubblico Trentino a Levico Terme, nella meravigliosa cornice naturale dell’anfiteatro del Parco delle Terme, dove lo spettacolo avrà inizio alle 20.45.
  

Stefano Allievi.
 
Si assisterà ad un viaggio tra musica e parole, che impasta i fondamentali contributi scientifici del sociologo Stefano Allievi con alcune canzoni originali di Erica Boschiero e di altri autori – da Luigi Tenco a Ivano Fossati – spaziando tra musica etnica e canti tradizionali dell’emigrazione italiana. Il punto di partenza sarà quello indicato da Allievi nei suoi libri: «Le migrazioni ci sono. Sono sempre di più e saranno ancora di più in futuro. Non è più il tempo dei problemi senza risposta: è il momento delle soluzioni. L'immigrazione è un fenomeno strutturale da decenni. Tuttavia è sempre stato affrontato in termini di emergenza, come fosse un fatto episodico.»
Appoggiandosi a solidi contenuti fattuali si cercherà così di allargare lo sguardo, secondo lo stile dell’Agosto degasperiano, per andare al cuore dell’attualità alla ricerca di risposte concrete e pragmatiche, evitando polemiche e strumentalizzazioni che poco servono a chi ha bisogno di capire.
 
Stefano Allievi è professore di Sociologia, presidente del corso di laurea magistrale in «Culture, formazione e società globale» e direttore del Master su «Religions, Politics and Citizenship» presso l’Università di Padova.
Si occupa di migrazioni e analisi del cambiamento culturale e del pluralismo religioso, con particolare attenzione alla presenza dell’islam in Europa: temi sui quali ha condotto molte ricerche e scritto una trentina di libri pubblicati in varie lingue europee, in arabo e in turco.
Fra le altre cose è autore di Immigrazione. Cambiare tutto e di 5 cose che tutti dovremmo sapere sull’immigrazione (e una da fare).
Erica Boschiero, descritta come «la nuova Joni Mitchell» e «una delle voci più interessanti della canzone d’autore al femminile nel panorama italiano», si definisce cantautrice e cantastorie veneta.
 
Vincitrice di numerosi premi per musica d’autore, ha tenuto concerti in Islanda, Norvegia, Francia, Germania, Svizzera, Estonia, Lettonia, Bielorussia, Ungheria, Repubblica Ceca, Nepal e Kazakhstan.
Sergio Marchesini suona pianoforte e fisarmonica. Dal 2001 fa parte della Bottega Baltazar con cui ha registrato cinque dischi, ottenuto diversi riconoscimenti e avuto occasione di esibirsi in Austria, Bahrein, Germania, Grecia, Italia, Messico, Spagna, Svizzera. Ha scritto, arrangiato e registrato musica per il teatro, la danza, la televisione e il cinema.
In caso di pioggia l’evento si terrà nel teatro dell’oratorio parrocchiale «mons. Caproni».

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni