Home | Pagine di storia | Alcide De Gasperi | Il 30 luglio «Churchill, il vizio della democrazia»

Il 30 luglio «Churchill, il vizio della democrazia»

Martedì al Forte delle Benne di Levico l’incontro con Carlo Gabardini, attore, scrittore e voce di Radio24

image

>
Martedì 30 luglio alle 18 a Levico Terme si terrà il secondo appuntamento dell’Agosto degasperiano: protagonista Carlo Gabardini (foto a pié di pagina), che ci accompagnerà a conoscere la travolgente personalità di sir Winston Churchill, uno dei primi statisti che parlò di «Stati uniti d’Europa».
È il secondo appuntamento della rassegna «Agosto degasperiano - Lotta contro il tempo», un programma di 13 eventi tutti a ingresso libero.
«Ognuno di noi ha nel suo Paese problemi che lo incalzano da tutti i lati… ma ciascuno di noi sente che questa è l’occasione che passa e che non tornerà più. Bisogna afferrarla e inserirla nella logica della storia.»
Queste parole di Alcide De Gasperi, scelte quest’anno come punto di partenza del percorso dell’Agosto degasperiano – Lotta contro il tempo, fanno eco alla testimonianza portata in scena nel secondo appuntamento della rassegna da Carlo Gabardini.
 
Il cuore del suo intervento – previsto alle ore 18 negli spazi del Forte Colle delle Benne sulla collina che domina Levico Terme – sarà la sua particolarissima rilettura di un altro grande protagonista del Novecento: sir Winston Churchill, l’iconico premier britannico che dopo aver guidato il suo paese nella seconda guerra mondiale fu il primo ad affermare, già nel 1946, che «dobbiamo costruire una sorta di Stati Uniti d’Europa».
Morto da oltre cinquant'anni, quello che emerge dal racconto di Carlo Gabardini è un Churchill vivo come non mai: lo scopre, lo studia, se ne innamora e quindi cerca nel suo coraggio e nella sua determinazione una ricetta utile per affrontare il presente. Dice infatti Gabardini: «Churchill è un po’ il nonno di tutti noi europei, un nonno imperfetto, che tracanna whisky, urla, sbraita, si lamenta… ma allo stesso tempo un uomo che non si arrende mai, dà sempre tutto se stesso, al cento per cento, sa comandare ma anche ascoltare, è risoluto ma ammira chi è in grado di cambiare idea... Uno di cui essere fieri, uno che ti fa sentire forte e felice di essere europeo».
  

 
Un baluardo a cui ancorarsi, lasciandosi ispirare dalla sua visione, sempre contraddistinta da una brillante ironia: «se è vero che la democrazia è la peggior forma di governo, eccezion fatta per tutte le altre forme che si sono sperimentate finora, è bene che diventi un vizio, nella speranza che sia difficilissimo poi smettere.»
Il Forte Colle delle Benne, luogo che istintivamente richiama alla guerra e alle tragedie del secolo scorso, diviene teatro di un incontro dedicato a un uomo che ha saputo cogliere il senso del suo tempo, cercando un futuro che andasse oltre i modelli che avevano consegnato l’Europa a trent’anni di guerre fratricide.
Con Carlo Gabardini si entra nel vivo del percorso proposto dall’Agosto degasperiano – Lotta contro il tempo: la rassegna estiva promossa dalla Fondazione insieme ad oltre trenta partner locali che, giunta alla sua quinta edizione, pone al centro un tema fondamentale: il nostro rapporto con il tempo, mettendo l’accento sul bisogno di tornare a dare un senso al tempo, non disperdendo le energie sui piccoli problemi contingenti, che rischiano di precludere, tanto all’individuo quanto alla collettività, di inseguire quei grandi traguardi, capaci di lasciare il segno.
 
Attore, voce radiofonica, scrittore e drammaturgo, noto al grande pubblico per il programma radiofonico Si può fare di Radio24 e quello televisivo Camera Café, Gabardini ha scritto spettacoli per Paolo Rossi, Sabina Guzzanti, Walter Leonardi, Beppe Battiston e ha collaborato alla scrittura di diverse serie televisive.
Nel 2019 ha pubblicato con Rizzoli Churchill, il vizio della democrazia.
Il Forte sarà raggiungibile a piedi, con una passeggiata di circa 2 km dal centro di Levico, o attraverso l’accesso carrabile su strada forestale dalla località Visintainer.
In alternativa, è disponibile un servizio di bus navetta gratuito, con partenza alle 17.30 dall’Ufficio APT di viale Vittorio Veneto (di fronte alla Terme), con prenotazione da effettuarsi presso la Biblioteca comunale di Levico Terme (0461 710206, levico@biblio.infotn.it)
In caso di maltempo l’evento si terrà presso il Grand Hotel Imperial di Levico Terme: l’eventuale spostamento sarà comunicato tempestivamente sul sito e sui social della Fondazione.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni