Home | Pagine di storia | Alcide De Gasperi | Alcide De Gasperi e il Trentino a Matera, un legame che si rinnova

Alcide De Gasperi e il Trentino a Matera, un legame che si rinnova

Lo statista trentino è nel cuore dei materani perché sfollò la popolazione dai «Sassi», allora in condizioni invivibili - La sorpresa della Costituzione di Degasperi

image

In copertina la copia per Degasperi della Costituzione, sotto il dettaglio delle firme.

Il Trentino - attraverso le istituzioni pubbliche e il mondo cooperativo - rinnova questo legame di amicizia con un evento che mette al centro la Costituzione: un incontro tra licei (Da Vinci di Trento e Duni di Matera) e una lectio della Giudice Costituzionale Daria de Pretis dal titolo «La Costituzione aperta al mondo».

E - vera chicca - sarà esposta solo per pochi giorni la preziosa versione originale della Costituzione ritrovata (una delle tre esistenti) che fu proprietà di De Gasperi, donata dalla figlia Maria Romana alla Fondazione Museo storico del Trentino.

L’evento è parte centrale del meeting del gruppo cooperativo CGM (consorzio delle coop sociali) dal titolo «Sharing future», in programma nella capitale europea della cultura dal 29 al 31 ottobre



Il Trentino sarà presente nei prossimi giorni a Matera con i rappresentanti delle Istituzioni (attesi il vicepresidente della Giunta provinciale Mario Tonina e il sindaco di Trento Alessandro Andreatta) e della Cooperazione (con una qualificata delegazione del Cda della Federazione guidata dalla presidente Marina Mattarei).
L’occasione è la partecipazione alla 14ª convention del gruppo cooperativo CGM che si terrà proprio a Matera dal 29 al 31 ottobre dal titolo «Sharing future», in cui il Trentino avrà un ruolo centrale.
«Sharing future» vuole essere un laboratorio generatore di modelli imprenditoriali innovativi, sostenibili, inclusivi, sia nelle tradizionali aree d’intervento della cooperazione sociale, sia in nuovi settori.
Stamani nella sala Consiglio della Federazione la presentazione dell’iniziativa.


 
 Un dialogo che si rinnova attraverso il mondo cooperativo e le istituzioni 
Il mondo cooperativo si fa parte attiva per riattivare le reti di relazione, sia per esercitare un doveroso esercizio di memoria storica, ma soprattutto, ha affermato la presidente Marina Mattarei, «guardare al futuro in chiave propositiva e generativa, uno sguardo sui giovani in particolare, antico ma sempre coerente e di grande attualità, strumento per costruire ponti e cerniera tra territori e culture, tra generazioni e identità anche profondamente diversi. La cooperazione si apre, non si chiude nelle proprie nicchie».
«Guardiamo al futuro cercando di costruire un presente inclusivo, anche attraverso il momento altamente simbolico di incontro e riflessine con i giovani», ha detto il vicepresidente della Federazione Italo Monfredini, cui si deve l’avvio e lo stimolo di questa iniziativa.
 
Per il vicepresidente della giunta provinciale Mario Tonina, intervenuto a nome del presidente Fugatti, il Trentino ha un debito di riconoscenza nei confronti di Alcide De Gasperi, uno statista cui si deve un accordo fondamentale per la nostra autonomia come quello con il ministro degli esteri austriaco Karl Gruber nel 1946.
Senza l’autonomia e senza la cooperazione oggi il Trentino sarebbe molto diverso.
De Gasperi ha saputo guardare al futuro con fiducia in momento particolare e drammatico per l’Italia. Giusto quindi interrogarsi sull’eredità che ci ha lasciato.
 

 
 L’incontro degli studenti di Trento e Matera 
Nella capitale della cultura saranno presenti anche gli studenti della 4ªB del Liceo Scientifico Da Vinci di Trento, accompagnati dalla dirigente Valentina Zanolla, che dialogheranno - insieme ai colleghi del liceo classico Duni di Matera - con la Giudice Costituzionale Daria de Pretis sul tema della «Costituzione aperta al mondo», a cui dedicherà una lectio magistralis.
«Gli studenti – ha detto il tutor di questo progetto, prof. Alberto Conci – hanno lavorato in questi mesi sulla figura di De Gasperi, sulla Costituzione e sull’eredità per il futuro.»
 
L’evento, ospitato da Confcooperative Basilicata, intende rilanciare il forte legame di amicizia della comunità di Matera nei confronti dello statista trentino, primo Presidente del Consiglio del dopoguerra, ed ispiratore della legge sullo sfollamento dei Sassi del 1952.
Infatti Alcide De Gasperi, da Presidente del Consiglio, si fece promotore della legge speciale per lo sfollamento dei Sassi, in base alla quale due terzi della città, circa diciassettemila persone, abbandonarono le proprie case per trasferirsi nei nuovi rioni.
«De Gasperi – ha detto il direttore della Fondazione Museo storico del Trentino Giuseppe Ferrandi – gode a Matera di maggior considerazione rispetto a quando gli venga attribuita dal suo territorio.
«Nella capitale della cultura portiamo i simboli e l’eredità di De Gasperi, che è straordinaria.»
 

 
 A Matera la copia autentica della Costituzione che fu di De Gasperi 
Nella capitale europea della cultura in particolare sarà esposta la copia autentica della Costituzione della Repubblica italiana, firmata dal presidente del Consiglio Alcide De Gasperi con Enrico De Nicola, primo Presidente della Repubblica e Umberto Terracini, capo dell’Assemblea Costituente.
Il prezioso documento storico è custodito a Trento dal Museo storico del Trentino, a cui è stato donato direttamente dalla figlia Maria Romana, insieme alla collezione privata dello statista.
La Costituzione sarà portata a Matera grazie alla disponibilità del direttore del Museo storico del Trentino Ferrandi.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (1 inviato)

avatar
Giorgio Pisetta 29/10/2019
E così si può vedere finalmente, a tutto il pubblico, come si firmava Alcide Degasperi!
Questo documento ufficiale certifica finalmente presso quelli che sanno leggere: la firma è Degasperi Alcide, mettendo a tacere coloro che nel dopoguerra ne hanno modificato il cognome con presunte storie di nobiltà (in uno Stato repubblicano!!!). Finalmente. È da ricordare che anche i trattato Degasperi-Gruber, siglato a Parigi, porta la stessa firma ( e la stampa dorme...).

La redazione: Lo abbiamo sempre sostenuto, perché la sua firma ufficiale è di una parola unica.
Thumbs Up Thumbs Down
0
totale: 1 | visualizzati: 1 - 1

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni