Home | Pagine di storia | Memoria | Il 13 aprile 1944 si consumò l'eccidio di Vallucciole (Arezzo)

Il 13 aprile 1944 si consumò l'eccidio di Vallucciole (Arezzo)

Con un bilancio di 109 vittime, è stata una delle stragi naziste più gravi avvenute sul territorio italiano durante la Seconda guerra mondiale

image

>
Il 4 aprile 1944 a Firenze il generale tedesco Dostler aveva ordinato al colonnello von Heydebreck di ripulire la Linea Gotica, allontanando con la forza la popolazione civile, anche «per mezzo di stragi dimostrative che fossero da monito per chi avesse appoggiato la Resistenza». La divisione Hermann Göring ebbe l'incarico di «bonificare» il territorio compreso tra la statale 71 del Passo dei Mandrioli e la statale 67 del Passo del Muraglione, tra Bibbiena, Verghereto, San Godenzo e Dicomano, mentre il versante romagnolo venne assegnato ai soldati della Kampfgruppe comandata del maggiore Freyer.
 
L'8 aprile il maggiore Unterricht della divisione Hermann Göring giunse così a Stia per pianificare con il brigadiere Emilio Biami un rastrellamento.
Il giorno successivo, un reparto tedesco si insediò a Pratolino, sulla strada che unisce Bologna a Firenze, mentre l'11 aprile si presentano a Molino di Bucchio tre militari tedeschi in abiti civili che, spacciandosi per prigionieri di guerra statunitensi in fuga, tentarono di entrare nella Resistenza italiana, ma furono fermati dai partigiani della brigata garibaldina «Faliero Pucci»: durante un'improvvisa sparatoria, vennero uccisi due tedeschi e ferito il terzo in fuga, che attivò i propri commilitoni per recuperare i cadaveri ed effettuare una rappresaglia che portò ad incendiare alcune case e arrestare un paio di donne, interrogate a Firenze e poi rilasciate.
 
Il 12 aprile il maggiore von Loeben al comando di 800 uomini del 1º reggimento Flak della divisione Herman Göring giunse a Stia, dove alle ore 3 del mattino del giorno dopo diede ordine di fare terra bruciata e massacrare tutta la popolazione civile della valle, inclusi anziani, donne e bambini.
Furono così uccise 14 persone a Giuncheto, 6 a Molino di Bucchio, una a Santa Maria, una al Molinuzzo, 12 donne e 4 bambini a Serelli, 17 persone a Vallucciole, due nelle fattorie della Campana e della Canonica, 27 persone a Monte di Chianni, 6 persone a Moianno, dove sequestrarono anche un gruppo di donne, una delle quali di appena 17 anni fu stuprata da un branco di 4-5 tedeschi, nonostante le suppliche della madre che fu fucilata; altre donne vennero stuprate e poi uccise.
 
Dopo essersi concentrati verso il Monte Falterona, trascinandosi circa una trentina di ostaggi, i tedeschi tentarono un'operazione antipartigiana, ma senza esito.
Ritornati a valle, fra Molino di Bucchio e Giuncheto, iniziarono a uccidere i tutti i prigionieri, fingendo di rilasciarli ma poi fucilandoli alle spalle mentre si allontanavano.
Complessivamente, nella giornata del 13 aprile 1944, vennero uccise 105 persone.

La notizia del massacro giunse a Stia già nella mattina della stessa giornata: monsignor Oliviero Vannetti si precipitò dal comandante tedesco Egger per supplicare di risparmiare il monastero, mentre nel pomeriggio organizzò con la Misericordia una squadra di soccorso, che partì il giorno successivo, dopo aver ottenuto l'autorizzazione dai tedeschi, iniziando a seppellire le vittime nel cimitero del santuario di Santa Maria.
Il 15 aprile vennero seppellite le vittime di Vallucciole.
Il 17 aprile 1944 vennero fucilati a Stia 17 partigiani.
Il 18 aprile il sindaco Martellucci fece affiggere un manifesto per tentare di giustificare la strage quale rappresaglia per l'omicidio di «tre camerati tedeschi» e per il possesso illegale di armi da parte delle vittime, mentre il vescovo di Fiesole inviò il 22 maggio un memoriale a papa Pio XII.
 

Processo per le stragi naziste di Vallucciole, Monchio e Cervarolo presso il Tribunale militare di Verona.
 
 Processi  
Il primo fascista locale, ossia il segretario comunale di Stia, accusato per i fatti connessi alla strage, fu assolto con formula piena l'8 febbraio del 1946, mentre il 15 marzo 1946 la Corte d'assise straordinaria di Arezzo assolse gli altri fascisti locali accusati della strage per insufficienza di prove.
Nel 1994 venne scoperto in uno scantinato della procura generale militare di Roma il cosiddetto armadio della vergogna, contenente anche un faldone di vecchie indagini sulla strage di Vallucciole.
A distanza di 50 anni si riuscì così a portare a processo i responsabili dell'eccidio ancora in vita e far emergere che questa strage sproporzionata fu in realtà premeditata e pianificata nel contesto delle esigenze belliche naziste dell'epoca, cioè non fu una rappresaglia conseguente all'uccisione di due spie tedesche.
Il processo di Verona, iniziato il 17 dicembre 2009, portò alla presentazione delle scuse ufficiali all'Italia da parte del ministro degli esteri della Germania.
 
Dopo due anni di processo, in cui furono giudicati anche la strage di Monchio e la strage di Cervarolo, il 6 luglio 2011 il Tribunale militare di Verona condannò alla pena dell'ergastolo Alfred Luhmann, Helmut Odenwald, Ferdinand Osterhaus, Fritz Olberg, Wilhelm Karl Stark, Erich Koeppe e Hans Georg Karl Winkler.
A seguito del decesso di Wilhelm Bachler, Gabriel Horst e Günter Heinrot venne disposto il non luogo a procedere per quest'ultimi.
Il 4 dicembre 2014 la Corte d'appello di Roma annullò la condanna a carico di Koeppe, Odenwald e Osterhaus, così come la condanna a carico della Germania in base al principio d'immunità degli stati sovrani.
 

Sacrario delle vittime di Vallucciole presso la chiesa dei Santi Primo e Feliciano.
 
Dopo la liberazione di Stia da parte dei partigiani della 5ª Compagnia del Battaglione «Licio Nencetti» avvenuta il 21 settembre 1944, venne celebrata una messa a ricordo delle vittime, ma poi sulla vicenda cadde un «silenzio istituzionale» per quasi dieci anni.
 
Solo nel 1954, nel decennale della strage, venne organizzata dall'ANPI una pubblica commemorazione dei martiri di Vallucciole, con un corteo e comizio dell'onorevole Pietro Reali, una messa e l'avvio dei lavori (conclusi a settembre) di un ossario nella chiesa dei Santi Primo e Feliciano ove riunire i resti delle vittime fino ad allora divise in tre cimiteri.
Nello stesso anno lo scrittore torinese Carlo Levi pubblicò il racconto La Pasqua di Vallucciole.
Per altri dieci anni non vi furono altre commemorazioni, fino alla cerimonia del 1964 per il ventennale organizzato dalla Provincia di Arezzo, la quale curò la pubblicazione di un libro diffuso in tutte le scuole del territorio.
 
Il 26 aprile 1970 venne inaugurato il Monumento ai 17 partigiani nei pressi del cimitero di Vallucciole alla presenza di Luciano Lama, mentre nel 1972 fu inaugurato il monumento a Pio Borri di Molin di Bucchio, le cui lapidi raccontano le vicende belliche del comune di Stia, inclusa la strage del 13 aprile 1944.
Nel trentennale della strage venne organizzata una grande commemorazione e un consiglio comunale straordinario che deliberò di richiedere la concessione della medaglia d'oro al valor civile al gonfalone comunale, che non poté essere accolta per decorrenza dei termini.
L'8 aprile 1979, durante un'imponente manifestazione con 8.000 persone, venne inaugurata nei pressi del municipio di Stia la scultura in ferro Ai martiri di Vallucciole (trasferita nel 2006 nel Parco della Memoria, sostituita dalla scultura di Paolo Massai Vallucciole tra Ferro e Fuoco), forgiata dagli studenti della locale Scuola del ferro battuto.
 
Nel 1984 venne realizzato il film La stagione delle stelle del regista Fabio Del Bravo, tratto dal saggio Partigiani in Casentino e Val di Chiana del 1974.

Nel 2011 il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha concesso la medaglia d'argento al valor civile al gonfalone del Comune di Stia con la seguente motivazione:
«La popolazione della cittadina toscana, animata da fiera ostilità nei confronti del regime fascista, partecipava con eroica determinazione alla Resistenza.
«Oggetto di violenti bombardamenti e feroci rappresaglie da parte delle truppe tedesche, la frazione di Vallucciole fu teatro di una delle più atroci stragi nazi-fasciste, nella quale furono trucidati centootto civili, tra cui molte donne e bambini. Ammirevole esempio di spirito di sacrificio ed amor patrio.»
Frazione di Vallucciole - Stia (AR) - 13 aprile 1944.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni