Home | Pagine di storia | Memoria | Mostra «Stelle senza un cielo, Bambini nella Shoah»

Mostra «Stelle senza un cielo, Bambini nella Shoah»

A Levico Terme il 27 gennaio si celebra così la «Giornata della memoria 2023»

Il 27 gennaio si celebra la Giornata della Memoria, per ricordare i milioni di donne, uomini e bambini perseguitati con leggi razziali, strappati alla vita e alle famiglie.
Una pagina tragica della storia, che è importante non dimenticare. Ricordare le sofferenze di allora, ci aiuta a riflettere per evitare nuove sofferenze oggi, ad altri popoli ed altre persone.
Per l’occasione la Biblioteca comunale di Levico Terme ospiterà la mostra «Stelle senza un cielo-Bambini nella Shoah», curata dall’Istituto Yad Vashem di Gerusalemme e presentata dall’Associazione Figli della Shoah.
Levico Terme, presso la Biblioteca Comunale (via Marconi, 6), dal 25 gennaio al 9 febbraio.
Orari di apertura: da martedì a sabato dalle 9.30 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.30.
 
Durante la Shoah, le comunità ebraiche subirono brutali sconvolgimenti che causarono fratture sociali e familiari della più estrema gravità.
I bambini che si cimentarono con tale realtà sostanzialmente persero le abitudini quotidiane della loro infanzia.
Le loro traversie aumentarono in particolar modo quando furono costretti a trasferirsi nei ghetti, all’interno dei quali affrontarono sovraffollamento, fame, malattie infettive, terrore e violenza.
Quei bimbi dovettero adattarsi molto velocemente a simili contingenze crudeli e del tutto nuove, con il risultato che molti di loro si trasformarono di fatto in «bambini-adulti».
I fanciulli che vennero a forza separati dalle famiglie d’origine, per essere nascosti oppure deportati nei campi di concentramento, oltre a ciò lottarono per sopravvivere senza i genitori. La loro infanzia andò perduta per sempre.
 
Nonostante le tragiche situazioni e condizioni di vita, i bambini riuscirono comunque a dedicarsi a giochi immaginari, al disegno e alla scrittura, esprimendo le loro speranze, i loro sogni e le loro paure.
In questa mostra, una selezione di disegni, poesie, lettere e giocattoli offre un toccante e coinvolgente spiraglio sulle esistenze dei fanciulli ebrei durante la Shoah.
Una tale dimostrazione di ottimismo, positività, creatività e immaginazione conferma la capacità unica dei bambini di tenersi aggrappati alle forze della vita, anche di fronte a circostanze indicibili.
In questa mostra, una selezione di disegni, poesie, lettere e giocattoli offre un toccante e coinvolgente spiraglio sulle esistenze dei bambini ebrei nei tragici anni della persecuzione nazifascista.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande