Home | Coronavirus | Coronavirus, altro decreto del premier Giuseppe Conte

Coronavirus, altro decreto del premier Giuseppe Conte

Inasprite alcune misure, smentite alcune panzane messe in circolazione

image

>
Il premier Conte ha emesso un altro Decreto, nel quale specifica alcune nuove restrizioni per contrastare l’espansione dell’epidemia del Coronavirus.
Noi abbiamo aspettato un breve lasso di tempo per consentire che Conte precisasse i termini di alcuni provvedimenti.
In buona sostanza limita ulteriormente gli spostamenti della gente, inasprendo le sanzioni per i trasgressori. Le multe andranno dai 400 ai 3.000 euro. In un primo momento aveva detto dai 300 al 4.000 euro, ma non sappiamo se si fosse trattato di un errore o di un ripensamento.
Altra bufala l’ipotizzato sequestro dell’autovettura a chi veniva sorpreso in auto senza una comprovata necessità.
Era corsa anche a notizia che il nuovo decreto avesse stabilito la fine dell’emergenza per il mese di luglio. Una panzana, che però qualche giornale l’ha anche pubblicata, al punto che lo stesso Presidente del consiglio nel corso di una conferenza stampa ha dovuto smentirla.
L’eventuale chiusura dei negozi che non facciano rispettare le regole agli avventori non supererà i 5 giorni. Finora I controlli in Trentino non hanno riscontrato alcuna infrazione di questo genere.
Chi esce di casa pur trovandosi in quarantena perché positivo rischia fino a 5 anni di carcere, in quanto compie un attentato contro la salute pubblica.
 
Tra le altre notizie suscettibili di pubblicazione, annotiamo che a Herat quattro militari italiani sono risultati positivi al tampone.
L’AIFA ha consentito l’uso di due nuovi medicinali antiretrovirali. Il dott. Bordon, direttore dell’Azienda Sanitaria del Trentino, ha confermato la nota, ma ha precisato che il Trentino non ha ancora ricevuto alcuno di questi medicinali.
Quanto alla trattativa sulla chiusura delle aziende non indispensabili, i sindacati insistono sulla loro chiusura nel caso presentassero un serio pericolo per i lavoratori. Si sono anche dichiarati pronti a proclamare uno sciopero generale, con tanto di pubblica manifestazione… mantenendo le misure di sicurezza.
Una posizione singolare quella dei sindacati, perché ci si trova in una situazione di guerra e, per quanto si voglia giustamente garantire la sicurezza dei lavoratori, ci sono delle attività che vanno salvaguardate. Ad esempio gli ospedali non possono chiudere. Ma devono funzionare tutte le catene alimentari, le produzioni a ciclo continuo. Si dovrebbero invece poter offrire maggiori opportunità ai lavoratori volontari, come in guerra.
I benzinai vogliono chiudere le stazioni nelle autostrade. Ovviamente finché è consentito il traffico commerciale, dovranno restare aperti. Ma sarebbe sufficiente attivare la distribuzione automatica.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni