Home | Economia e Finanza | Collaborazione fra Trentino, Alto Adige e Friuli-Venezia Giulia

Collaborazione fra Trentino, Alto Adige e Friuli-Venezia Giulia

Alto Adige e Trentino condivideranno le proprie esperienze in materia di gestione della finanza locale con la Regione autonoma Friuli-Venezia Giulia

In Italia la gestione di tasse e finanze è in capo allo Stato. Le Province e Regioni a Statuto speciale hanno però competenza primaria in materia di finanza locale. Per questo tali enti godono di un certo margine di manovra a livello locale. Con legge provinciale, ad esempio, Alto Adige e Trentino hanno sfruttato la propria competenza legislativa in materia di tributi locali normando l’Imposta Municipale Immobiliare.
L’esperienza maturata a livello locale in Alto Adige e in Trentino sarà ora messa a disposizione del Friuli-Venezia Giulia. Un accordo normerà questa collaborazione fra Alto Adige, Trentino e Friuli. La Giunta provinciale oggi (19 ottobre) ha approvato la bozza di tale accordo e autorizzato il presidente della Provincia, Arno Kompatscher, alla firma.
«La Regione Friuli-Venezia Giulia intende ora normare a livello locale l’Imposta Municipale Immobiliare e - così come abbiamo fatto noi nel 2014 - sostituire con essa le imposte statali IMU e TASI. Volentieri offriremo dunque loro supporto e collaborazione, così come ci hanno chiesto» ha detto Kompatscher.
 
  «Creare sinergie per la gestione locale della finanza» 
Questo accordo nel settore dei tributi locali ha anche lo scopo di rappresentare e far rispettare in modo unitario gli interessi pubblici di tutte le amministrazioni interessate.
«L'accordo è destinato a creare sinergie per gestire in modo ottimale le imposte locali, ma anche per tenere d'occhio e influenzare gli effetti della tassazione sul sistema delle finanze locali, nonché gli effetti delle politiche statali sulle finanze locali e le imposte locali» spiega Kompatscher. Secondo la bozza di accordo, le due Province e la Regione interessate esamineranno la politica fiscale locale e specialmente la tassa immobiliare e il suo impatto sul sistema fiscale.
 
Si intende così esaminare e controllare insieme gli effetti della politica statale. In situazioni critiche, l'Alto Adige, il Trentino e il Friuli-Venezia Giulia cercheranno soluzioni comuni, anche per evitare controversie costituzionali.
A tal fine, le amministrazioni dell'Alto Adige, del Trentino e del Friuli-Venezia Giulia si scambieranno informazioni e dati e forniranno programmi e procedure informatiche nel quadro di un progetto unificato.
L'accordo entrerà in vigore dopo essere stato firmato dal presidente Kompatscher, dal suo omologo trentino Maurizio Fugatti e dal presidente del Friuli-Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga, e rimarrà inizialmente in vigore per tre anni.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni