Home | Economia e Finanza | La congiuntura economica in Trentino, 1° Trimestre 2018

La congiuntura economica in Trentino, 1° Trimestre 2018

In crescita tutti i settori, in particolare il manifatturiero e il commercio al dettaglio

In mattinata sono stati presentati i dati sull’andamento della congiuntura economica in Provincia di Trento, elaborati dall’Ufficio studi e ricerche della Camera di Commercio e riferiti al primo trimestre di quest’anno.
Per la prima volta da lungo tempo a questa parte, la congiuntura economica descrive un sistema produttivo che mostra segnali di vivacità e dinamismo.
Il fatturato complessivo realizzato dalle imprese esaminate nell’indagine aumenta del 6,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.
Prosegue e si rafforza ulteriormente quindi la fase positiva che aveva caratterizzato in special modo l’ultimo trimestre dello scorso anno.
 
La domanda interna continua a crescere su buoni ritmi. In particolare nel periodo in esame si riscontra un rafforzamento della domanda locale, che aumenta su base annua del 4,6%, mentre, pur mantenendo una dinamica favorevole (+4,7%), rallenta leggermente la sua evoluzione la domanda nazionale rispetto alla fase finale del 2017.
Le esportazioni continuano a mostrare un andamento decisamente positivo, che nel periodo in esame assume un carattere eccezionale (+12,5%), e contribuiscono sensibilmente all’accelerazione della ripresa e al sostegno di quei comparti maggiormente export oriented.
I settori che si caratterizzano per una variazione decisamente positiva del fatturato su base tendenziale sono il manifatturiero (+10,0%), il commercio al dettaglio (+6,6%) e l’estrattivo (+14,6%).
Quest’ultimo settore ha sperimentato però un forte ridimensionamento nel corso degli ultimi anni e i risultati economici sono spesso soggetti a una marcata volatilità.
 

 
I comparti dei trasporti (+4,8%), delle costruzioni (+3,9%) e del commercio all’ingrosso (+1,2%) si connotano per una dinamica positiva, ma più contenuta, mentre i servizi alle imprese propongono una variazione sostanzialmente nulla (+0,3%).
L’occupazione propone una crescita sostenuta (+2,8%) per la prima volta da circa un decennio. Le variazioni più marcate si rilevano nei settori dei trasporti e dei servizi alle imprese, mentre si evidenziano delle contrazioni presso i settori dell’estrattivo e, più debolmente, dell’edilizia.
L’andamento occupazionale presso le unità di più piccola dimensione (fino a 10 addetti) è sostanzialmente stagnante (+0,1%), mentre risulta in forte crescita tra le medie (tra 11 e 50) e le grandi imprese (oltre 50) con aumenti pari, rispettivamente, a +4,1% e a +4,6%.
I giudizi degli imprenditori sulla redditività e sulla situazione economica dell’azienda evidenziano una situazione in ulteriore lieve miglioramento rispetto a quella già piuttosto positiva evidenziata nello scorso trimestre e si confermano sui livelli antecedenti la crisi.
 
«Il quadro economico del primo trimestre di quest’anno – ha commentato Giovanni Bort, Presidente della Camera di Commercio di Trento – non è mai stato così positivo da almeno sette anni a questa parte. Tutti i settori indagati mostrano una crescita nei ricavi e quasi tutti evidenziano segnali incoraggianti sul versante dell’occupazione. Inoltre, il clima di fiducia degli imprenditori esprime un crescente ottimismo e il dato, decisamente positivo, sugli ordinativi per i prossimi mesi sembra confermare le prospettive favorevoli per le nostre aziende.
È però necessario precisare, con altrettanta obiettività e realismo, che questi risultati devono ora confrontarsi con un contesto nazionale e internazionale, che nelle ultime settimane si è fatto più incerto e che potrebbe rallentare questa fase di crescita.»
«I dati presentati oggi – ha spiegato Alessandro Olivi, Assessore allo sviluppo economico e lavoro e Vicepresidente della Provincia autonoma di Trento – ci offrono indicazioni importanti. Il Trentino sta attraversando una fase favorevole sostenuta anche dalla sua capacità di aprirsi ulteriormente ai mercati internazionali e negli ultimi mesi evidenzia un incremento occupazionale in armonia con quello dello sviluppo economico. La ritrovata fiducia tra gli imprenditori permette inoltre di guardare avanti e fare progetti per il futuro. È dunque evidente che la nostra autonomia ci ha permesso di reggere bene la crisi e di impostare le politiche più utili a supportare il nostro tessuto imprenditoriale e a favorire una crescita sostenibile in grado di portare un benessere diffuso.»

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone