Home | Economia e Finanza | Commerciale | «Non esistono cattive strade... ma cattivi guidatori»

«Non esistono cattive strade... ma cattivi guidatori»

È lo slogan della nuova scuola di guida sicura permanente «Drive Ok» Dopo i corsi, rischio incidenti giù del 60%

«Non esistono cattive strade... ma cattivi guidatori». È questo lo slogan della nuova scuola di guida sicura permanente «Drive Ok» che sabato 9 luglio vivrà in mattinata la cerimonia di inaugurazione e nel pomeriggio le porte aperte al pubblico.
A volerla fortemente è stato Pio Nicolini, pilota di rally e titolare della Drive Ok che ha ottenuto in affitto dalla Provincia il piazzale ex Arcese di Ravina, un'area di 5 mila metri quadrati ideale per svolgere in tutta sicurezza gli esercizi previsti dalla scuola.

La scuola
«Si tratta - afferma Pio Nicolini - della prima struttura permanente dedicata alla guida sicura in Trentino», mentre in Alto Adige da tempo è operativo il Safety Park di Vadena voluto dalla stessa Provincia autonoma. «Le statistiche - spiega Nicolini - dimostrano che chi ha frequentato corsi di guida sicura riduce del 60% il rischio di essere coinvolto in incidenti stradali. In Austria e in altri paesi stranieri questi corsi sono obbligatori per legge. La nostra non sarà né una scuola guida né una scuola piloti. Potranno parteciparvi tutti i patentati dai 18 ai 99 anni. È chiaro, comunque, che noi punteremo soprattutto sul target dei giovani».
Ma a chi serve un corso di guida sicura? «A chi vuole affrontare con capacità e naturalezza le situazioni improvvise che possono presentarsi sulla strada e che purtroppo talvolta diventano «incidenti» anche gravi.
Troppo spesso, infatti, chi si mette alla guida non ha una preparazione adeguata ad affrontare con perizia le eventuali situazioni di pericolo.
Inoltre i dispositivi di sicurezza delle auto moderne (Abs, Eps, servofreno) danno al guidatore l'illusione di pieno controllo della vettura, ma in realtà l'elemento determinante per la sicurezza resta sempre l'abilità dell'autista. Il nostro obiettivo è far sperimentare, in condizioni di assoluta sicurezza, situazioni di pericolo e preparare il conducente ad affrontarle nella maniera corretta».

I corsi
Nell'area ex Arcese sono stati stesi asfalti e resine speciali che permettono di simulare la guida su una lastra di ghiaccio.
Il primo corso si terrà domenica 1 luglio, all'indomani dell'inaugrazione.
Il corso durerà una giornata intera, dalle 8.30 alle 17, e sarà diviso in due fasi.
La parte teorica prevede l'insegnamento della corretta posizione di guida e del giusto movimento delle mani sul volante e la spiegazione degli esercizi che poi si affronteranno con gli istruttori nelle prove di guida.
A occupare più tempo sarà però la parte pratica: traiettorie, tecniche di frenata con e senza Abs, su fondo asciutto o bagnato, simulazioni di sovrasterzo e sottosterzo, slalom con «skid car», uno strumento che consente di simulare sbandate e perdite di aderenza anche su fondo asciutto in condizioni di sicurezza.
I corsi sono strutturati in gruppi di 8 persone con 2 istruttori o 16 persone con 3 istruttori della squadra guidata da Sandro Sottile.
Ogni partecipante potrà cimentarsi alla guida per una durata minima di 2 ore con la propria auto o con una delle sei vetture (Volkswagen Golf e Skoda) del parco macchine della scuola messo a disposizione dalla concessionaria Dorigoni di Trento.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni