Home | Economia e Finanza | Agricoltura | Lo stress da caldo mette a dura prova le bovine da latte

Lo stress da caldo mette a dura prova le bovine da latte

Confagricoltura: «Problema da non sottovalutare, ecco le novità dagli USA»

Lo stress da caldo del periodo estivo mette a dura prova le bovine da latte.
I ricercatori dell’Università del Wisconsin−Madison (USA) stanno sperimentando metodi di raffrescamento sempre più efficaci ed economici per mantenere il benessere animale in stalla e contenere lo spreco di acqua.
Vengono installati dei sensori di regolazione del flusso nelle aree critiche, come ad esempio la zona di alimentazione, nelle quali la densità delle bovine varia durante la giornata, specialmente se si tratta di stalle dove gli animali possono spostarsi volontariamente.
La nebulizzazione entra in funzione in base alle temperature e l'umidità, e il flusso viene erogato in base al numero di capi presenti.
 
La tecnologia ideale deve rilevare i segnali di stress da caldo delle bovine (frequenza respiratoria, temperatura corporea e cutanea, affanno, ecc.) e «dialogare» con i sensori e con il sistema di controllo degli ugelli, in modo da fornire comfort in tempo reale in base alle necessità.
La ricerca statunitense è stata pubblicata sul sito dell’Università. I risultati dimostrano come sia possibile risparmiare acqua potabile, garantire un abbattimento dello stress da caldo, mantenere l’ambiente umido senza bagnare il suolo o il cibo e integrare un flusso di aria per aumentare la sensazione di frescura, peraltro tenendo lontani gli insetti.
Nella Central Valley della California si concentra il maggior numero di allevamenti da latte dello Stato (1,8 milioni di capi) e per oltre cinque mesi all’anno la temperatura ambientale supera mediamente i 22,2°C, esponendo le bovine a un costante rischio di stress da caldo.
 
Nell’Università di Davis, in California, un team di ricercatori sta conducendo analisi sperimentali sui sistemi di ventilazione e raffrescamento.
Nell’estate del 2017 si sono registrate temperature superiori a 32,2°C per ben 57 giorni di fila.
Sono stati testati differenti metodi di raffrescamento delle bovine: un metodo tradizionale, con ventilatori combinati a nebulizzatori; un sistema a ricircolo chiuso che invia acqua fresca nei materassini posti sotto le cuccette.
Infine il sistema detto «swamp cooler», che funziona in modo simile ad un condizionatore. I risultati e la migliore strategia di raffrescamento sono stati pubblicati sul Journal of D.S., volume 102, gennaio 2019.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni