Home | Economia e Finanza | Agricoltura | «Pomaria, festa del raccolto, festa dell’incontro»

«Pomaria, festa del raccolto, festa dell’incontro»

La festa della mela quest'anno si svolgerà a Livo e Rumo in Val di Non il 12-13 ottobre

image

>
Ottobre: tempo di raccolta nelle Valli di Non e di Sole, quando la natura offre i suoi frutti più belli, più profumati e gustosi.
Per rendere omaggio alla generosità della natura, la «Strada della Mela e dei Sapori delle Valli di Non e di Sole», in collaborazione con l’Apt Val di Non, Melinda, Enti e Istituzioni locali, organizza «Pomaria», la festa del raccolto della Val di Non.
Ogni anno, il secondo fine settimana di ottobre, in Val di Non prende vita una nuova edizione dello straordinario evento per celebrare la mela nei suoi mille aspetti, ma non solo: anche le tradizioni e gli altri sapori locali vengono riscoperti e valorizzati.
Una festa immersa nei caldi colori dell’autunno in cui i visitatori possono conoscere l’intera Val di Non, la sua arte e la sua storia.
«Pomaria», il cui nome proviene dal latino plurale di «pomarium» (frutteto) è stata ideata in onore di Pomona, dea protettrice dei frutteti e rappresenta il forte legame con una terra antica che valorizza il passato per far conoscere la propria cultura.
 

 
Quest’anno la manifestazione si sdoppia in due Borghi, Livo e Rumo, con numerosi appuntamenti interattivi dedicati a famiglie e bambini: le due località saranno collegate da una navetta in viaggio per tutta la durata dell’evento.
Tra le novità più belle, i numerosi laboratori dedicati al mondo del latte e della zootecnia e la creazione di un’area verde riservata ai bambini.
Una mostra fotografica dal titolo «Prima terra», racconterà con le immagini le filiere dell’agricoltura trentina, mentre i più piccoli potranno imparare a raccogliere le mele seguiti dai maestri raccoglitori.
Infine, nel salotto del gusto, ci sarà spazio per show cooking, presentazione dei prodotti locali e incontri con i produttori.
 

 
La Val di Non diventa per due giornate il regno incontrastato della mela: è possibile infatti raccogliere le mele direttamente dall’albero, imparare a cucinare lo strudel, conoscere e assaggiare le diverse varietà di mele e i loro golosi derivati, giocare e divertirsi in laboratori didattici e percorsi di degustazione.
Accanto alla mela la festa propone molte altre attività, tutte legate al territorio: rappresentazioni di antichi mestieri, musiche, stand enogastronomici dei produttori associati alla Strada della Mela, degustazioni di vini e prelibatezze locali. 
 

 
I visitatori possono inoltre godere della bellezza delle Valli di Non e di Sole attraverso lunghe passeggiate ed escursioni guidate, gustare i piatti della tradizione gastronomica locale e i sapori di un tempo preparati dai più quotati cuochi dei ristoranti e agritur delle Valli del Noce.
Per i più piccoli: giochi per divertirsi insieme, fiabe e filmati per conoscere le meraviglie della natura. Una grande festa d’autunno, un’occasione di incontro, di svago e di formazione per salutare gioiosamente il tempo delle mele, per prepararsi al riposo invernale prima che la primavera risvegli con i suoi tiepidi raggi le gemme assopite sugli alberi.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni