Home | Economia e Finanza | Industria | «Creare le condizioni per la competitività delle imprese»

«Creare le condizioni per la competitività delle imprese»

Industria e calo delle assunzioni, parla il direttore generale di Confindustria Trento Roberto Busato

Il dato sul calo delle assunzioni va commentato alla luce dei numeri sulla riduzione della produzione industriale evidenziati dall’Istat: -4,3% nel 2019 rispetto al 2018.
Le cause principali sono note: la Brexit, le tensioni Usa-Cina nel commercio internazionale, la crisi dell’auto, da ultimo il Coronavirus, che producono effetti anche in Trentino.
In particolare, i dazi commerciali imposti dagli Usa hanno colpito anche settori in cui è presente l’industria trentina: gli Stati Uniti sono infatti il secondo partner commerciale per la nostra provincia, con i settori agroalimentari e della meccanica in testa per quanto riguarda le esportazioni.
Ad essere colpita con forza è la parte dell’industria meccanica che insiste sulla catena di fornitura delle filiere dell’industria metalmeccanica tedesca, pure in difficoltà.
Nel 2019 il comparto automotive in Italia ha registrato un calo del 9,6% sul 2018.

Le domande di cassa integrazione in Trentino sono in aumento, e non solo nell’automotive.
«Quello che serve alle imprese per aumentare l’occupazione - commenta il direttore generale di Confindustria Trento Roberto Busato - non è una svolta culturale, dal momento che gli imprenditori sono perfettamente consapevoli del fatto che la risorsa più importante per la propria competitività sono le persone. Non a caso, 9 contratti su 10 nell’industria trentina sono a tempo indeterminato. Se però manca la domanda, in un clima di incertezza come quello attuale assumere è difficile. Quello che si può fare a livello locale è creare le condizioni per la competitività delle imprese, come Confindustria Trento ripete da tempo: sviluppare le infrastrutture, snellire la burocrazia, adottare strumenti per il credito efficaci, investire sulla formazione dei lavoratori. Fa piacere in questo senso quanto dichiarato dal Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli, che in occasione della sua visita ad Assolombarda ha ricordato che… dobbiamo far capire a tutti che al centro della società c’è l’impresa. Senza creare ricchezza, non c’è redistribuzione né welfare

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni