Home | Economia e Finanza | Lavoro | I dati Istat sulle forze lavoro: in Trentino cala la disoccupazione

I dati Istat sulle forze lavoro: in Trentino cala la disoccupazione

Le forze di lavoro sono pari a 249mila unità, ad un livello simile a quello registrato nel 2° trimestre del 2017

 
L’Istat ha diffuso oggi i dati sull’occupazione e sulla disoccupazione relativi al 2° trimestre 2018 (da aprile a giugno 2018).
La rilevazione, in provincia di Trento, è coordinata dall’ISPAT (Istituto di statistica della provincia di Trento).
I dati presentano una situazione tendenziale del mercato del lavoro stabile sul fronte dell’occupazione e in miglioramento per quanto riguarda la disoccupazione: gli occupati risultano agli stessi livelli del 2° trimestre 2017 mentre si rileva, nello stesso periodo, una contrazione del numero dei disoccupati (circa 1.500 unità), con significative differenze dell’andamento per genere.
Le forze di lavoro sono pari a 249mila unità, ad un livello simile (-0,6%) a quello registrato nel 2° trimestre del 2017.
 
Questo risultato deriva da una variazione positiva degli uomini dell’ordine dello 0,9% e da un decremento delle donne del 2,3%
Gli occupati restano stabili a 236mila unità, con un contributo positivo degli uomini (+2,8%) ed una riduzione delle donne di entità simile (-3,2%).
In termini assoluti gli uomini occupati sono pari a 132mila unità e le donne a 104mila unità.
Sono i settori dell’agricoltura (16,1%) e degli altri servizi (6,8%) a rilevare gli aumenti più importanti di occupazione.
 
L’industria cresce nel complesso dello 0,2% mentre i servizi calano dello 0,8%, per effetto di una riduzione degli occupati nel settore del commercio, alberghi e ristoranti del 17,9%, legata anche all’avvio lento dell’ultima stagione turistica.
I disoccupati sono pari a 12,4mila, con un calo evidente e pari a circa 1.500 unità, risultato di una riduzione molto marcata della disoccupazione maschile (circa 2.300 unità).
I dati del 2° trimestre 2018 mostrano un incremento degli inattivi pari al 2,2% e, coerentemente con l’andamento dell’occupazione e della disoccupazione, tale valore è la risultante di un calo della componente maschile (-3,4%) e di un incremento di quella femminile (5,9%).
 
I tassi caratteristici del mercato del lavoro riflettono questi andamenti, su base annua:
- il tasso di occupazione (15-64 anni) è pari al 67,2% (74,7% gli uomini, 59,7% le donne) con un andamento su base annua contrapposto fra uomini (+2,2 punti percentuali) e donne (-2,5 punti percentuali);
- il tasso di disoccupazione (15 anni e più) è sceso al 5,0% dal 5,6% del 2° trimestre 2017, con un valore per gli uomini pari al 4,3% e per le donne del 5,9%.
Il decremento è stato marcato per gli uomini (-1,8 punti percentuali) mentre si rileva un incremento per il tasso femminile (0,8 punti percentuali);
- il tasso di inattività (15-64 anni) è pari al 29,1%, in aumento di meno di 1 punto percentuale (0,6), per effetto di un aumento dell’inattività femminile (2 punti percentuali).
 
Rispetto all’Italia questi tassi notoriamente presentano una situazione migliore, con differenze positive evidenti per il mercato del lavoro trentino.
Il tasso di occupazione a livello nazionale nel 2° trimestre 2018 è pari al 59,1%, il tasso di disoccupazione è pari al 10,7% ed il tasso di inattività è pari al 33,7%.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone