Home | Economia e Finanza | Ricerca e innovazione | Digitale terrestre, switch-off anticipato per i canali Mediaset

Digitale terrestre, switch-off anticipato per i canali Mediaset

Il Mise ha autorizzato lo spegnimento di alcuni impianti televisivi di vecchia generazione in Trentino. I primi sono Ala e Breguzzo

Il passaggio dalla precedente generazione di digitale terrestre alla nuova Tv digitale (Dvb-T2) è iniziato in Trentino con quattro mesi di anticipo. Inizialmente la transizione era stata fissata per la nostra provincia dal 3 gennaio al 15 marzo 2022.
Di recente, il ministero allo Sviluppo economico (Mise) ha disposto lo spegnimento anticipato degli impianti televisivi Mediaset in 31 Comuni del Trentino a partire da questa settimana e fino al 31 dicembre 2021.
I primi impianti spenti riguardano Ala (Pozzo Basso) e Breguzzo.
Nei Comuni interessati, il segnale radiotelevisivo dei canali Mediaset non sarà più visibile sugli apparati televisivi meno recenti che andranno sostituiti o integrati con un decoder.
 
Anche sugli apparati televisivi più recenti sarà necessario effettuare una sintonizzazione dei canali.
La lista dei 31 Comuni conta, tra gli altri, Rovereto, Ala, Fondo/Borgo d’Anaunia, Brentonico, Tione, Pinzolo, Vermiglio, Sen Jan di Fassa, Fai della Paganella, Castello Tesino e Cinte Tesino. Dal prossimo 20 ottobre passeranno al nuovo standard digitale anche i canali non generalisti di Rai e Mediaset.
Il nuovo calendario di rilascio del nuovo sistema di digitale terrestre (Dvb-T2) era stato fissato il 19 giugno scorso con decreto del presidente del Consiglio dei ministri.
In particolare, il Mise aveva disposto di posticipare di quattro mesi per la provincia di Trento, rispetto alla precedente road map, il passaggio alla nuova televisione digitale (switch-off) dal 03 gennaio al 15 marzo 2022.
 
Nuovo digitale terrestre, inizia Mediaset Tuttavia - spiega oggi lo stesso Mise -, la procedura di switch-off avverrà in maniera anticipata, da questa settimana al 30 dicembre 2021, in circa 31 comuni del Trentino e per i soli impianti televisivi di Mediaset.
La decisione è stata presa - lo sottolinea ancora lo stesso Mise - per poter effettuare, nel modo più efficiente possibile, le operazioni di conversione e spegnimento/accensione delle reti televisive degli operatori nazionali e locali in Trentino e in diverse regioni italiane.

Ieri è iniziato lo spegnimento del primo impianto, quello di Ala Pozzo Basso che interessa i Comuni di Ala (10%) ed Avio (10%).
Nella giornata di oggi, i tecnici di Mediaset sono intervenuti sugli impianti di Breguzzo (99% del territorio comunale).
Pertanto, in queste aree il servizio radiotelevisivo per i canali Mediaset non sarà più fruibile sugli apparati televisivi meno recenti. Anche sugli apparati televisivi più recenti sarà comunque necessario effettuare una sintonizzazione dei canali.
 
L’elenco completo dei comuni, con la relativa percentuale di popolazione comunale interessata, viene riportato in allegato.
Nel dettaglio ci sono circa 19 comuni con più del 50% del territorio interessato. Tra questi ricordiamo Rovereto, Ala, Tre Ville, Fondo/Borgo d’Anaunia, Brentonico, Tione, Pinzolo, Vermiglio, Sen Jan di Fassa, Fai, Castello e Cinte Tesino.
Dal 20 ottobre 2021 tocca ai canali non generalisti Rai e Mediaset La corsa al nuovo standard digitale porterà con sé ulteriori novità.
Dal 20 ottobre prossimo, in tutto il territorio nazionale, alcuni canali televisivi nazionali (non generalisti) di Rai e Mediaset passeranno alla nuova codifica (MPEG-4), che permetterà ai cittadini di usufruire di trasmissioni in alta definizione.
A partire da questa data, in tutto il Trentino, tali canali non saranno visibili sugli apparati televisivi meno recenti; mentre sugli apparati televisivi più recenti sarà necessario effettuare una sintonizzazione dei canali.
 
 Da gennaio 2022 lo switch-off completo  
Successivamente, nel periodo dal 3 gennaio al 15 marzo 2022, il Trentino entrerà nella nuova era della tv digitale, grazie all’adozione del nuovo standard Dvb-T2.
Ricordiamo che in Trentino, così come in tutta Italia, il nuovo standard Dvb-T2 richiede la sostituzione degli apparecchi più vecchi o l’adozione di un decoder.
Le televisioni più recenti passeranno automaticamente al nuovo standard, grazie alla sintonizzazione dei canali.
L’utente può in maniera semplice verificare la tipologia del proprio apparecchio, sintonizzando il televisore sui canali 100 o 200: se vedrà il segnale, il televisore è già predisposto per il nuovo standard Dvb-T2; in caso contrario (assenza di segnale), il televisore in dotazione è di precedente generazione.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni