Home | Economia e Finanza | Ricerca e innovazione | L’Istituto Tecnico Buonarroti di Trento protagonista in Europa

L’Istituto Tecnico Buonarroti di Trento protagonista in Europa

All’interno di una partnership Erasmus strategica ha sviluppato risorse digitali per un insegnamento attivo e interattivo delle discipline STEM

image

>
Dopo tre anni di appassionante lavoro, martedì 4 giugno presso l’Istituto Tecnico Buonarroti-Pozzo di Trento si è tenuto l’evento finale del progetto Design STEM, una Strategic Partnership finanziata dal programma europeo Erasums+.
Il progetto ha avuto uno scopo molto ambizioso: sviluppare risorse digitali per un insegnamento attivo e interattivo delle discipline STEM (Science Technology Engineering Mathematics).
 
La valorizzazione delle STEM, primario obiettivo europeo, è stato perseguito sviluppando scenari di apprendimento che coinvolgono gli studenti in attività di problem solving legate al Design, ambito inedito in cui rendere le discipline scientifiche significative e maggiormente attrattive.
Gli scenari di apprendimento sono stati sviluppati secondo un approccio didattico costruttivista, la metodologia delle 5 «E» (Engage, Explore, Explain, Elaborate, Evaluate).
Tale metodologia prevede di porre un problema iniziale in grado di appassionare gli studenti e portarli ad acquisire nuove competenze attraverso un progresso esplorativo e conoscitivo.
Riferimenti costanti per lo sviluppo dei percorsi sono state le competenze chiave europee e gli obiettivi di sviluppo sostenibile posti dalle Nazioni Unite.
 
Al progetto hanno partecipato vari enti europei operanti in ambito STEM o Design: centri di ricerca, scuole, università di Inghilterra, Slovenia, Germania, Grecia, Olanda, Portogallo, Estonia e Finlandia hanno contribuito con le diverse anime, metodologie, competenze, costituendo un team in grado di potenziare gli apporti dei singoli.
Il ruolo affidato all’Istituto tecnico Buonarroti è stato di tipo scientifico e tecnologico, legato alle competenze digitali dei docenti.
Anche gli studenti sono stati coinvolti, in particolare nel test delle unità di apprendimento; il momento più significativo ha visto un team di studentesse prendere parte ad una sessione massiva di test in presenza di tutti i partner europei.
I risultati raggiunti dal progetto hanno superato quelli attesi in quanto, oltre alla piattaforma on-line che raccoglie gli scenari di apprendimento, è stata realizzata una libreria software a supporto dello sviluppo di strumenti grafici per la sperimentazione interattiva di concetti fisici e matematici.
 
Nel corso dell’evento finale sono state presentate tutte le risorse prodotte che, secondo la filosofia Erasmus, saranno rese liberamente accessibili e riutilizzabili tramite il sito web dell’istituto.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Campi da golf

di Francesco de Mozzi

Storia dell'Autonomia

di Mauro Marcantoni

Cartoline

di Bruno Lucchi

Amici a quattro zampe

di Fabrizio Tucciarone