Home | Economia | Commercio | Imprese dello sport: gli aumenti le mettono in difficoltà

Imprese dello sport: gli aumenti le mettono in difficoltà

Confcommercio Trento: «Non è da escludere, nella peggiore delle ipotesi, che alcune strutture possano essere costrette a chiudere o sospendere le attività»

Anche le imprese e i professionisti che operano nel settore sportivo, aderenti a Confcommercio Trentino, sollevano un grido di allarme sul caro energia.
Il rischio concreto è di compromettere le attività di palestre e centri sportivi, con conseguenti gravi ripercussioni anche sui lavoratori che, si sottolinea, operano professionalmente, non come meri volontari, nel settore: dall'amministrazione, ai dipendenti istruttori fino ai personal trainer, diverse sono le figure lavorative che, grazie alle imprese del comparto, consentono di generare reddito per le famiglie.
 
Titolari di palestre, centri sportivi e personal trainer vivono con particolare preoccupazione l'avvicinarsi della stagione autunnale ed invernale che renderà necessario l'incremento della spesa di luce e riscaldamento all'interno delle strutture sportive.
Gli importi che hanno già dovuto affrontare i titolari, rispetto allo stesso periodo del 2021, sono già più che raddoppiati ed in alcuni casi triplicati.
Da non dimenticare che le palestre, inoltre, provengono da un periodo di pesanti restrizioni dovute da misure anti-Covid che ha costretto a forzate e lunghe chiusure.
 
Difficile ancora quantificare il maxi-rialzo, purtroppo, che sarà determinato, oltre che dalla luce, anche dai costi del riscaldamento che servirà alle strutture per accogliere i clienti, ma il rischio ormai evidente è che lo stesso possa incidere pesantemente sulla sostenibilità delle imprese con necessari tagli e ripercussioni anche sui livelli occupazionali.
Non è da escludere, nella peggiore delle ipotesi, che alcune strutture possano essere costrette a chiudere o sospendere le attività, circostanza che può avere un effetto deflagrante: crisi delle imprese sportive, calo dei livelli occupazionali e, non per ultima, diminuzione della pratica sportiva, spesso esercitata anche in stretta correlazione alla prevenzione o alla cura di diverse patologie.
 
«Dover pensare di andare ad incidere sul cliente della struttura, aumentando i costi a carico dello stesso e delle famiglie, per dover esclusivamente far fronte al rialzo esorbitante dei prezzi dell'energia, appare paradossale ed ingiusto, sia per noi imprenditori sia per i nostri clienti, – sostengono gli Imprenditori ed i professionisti sportivi di Confcommercio. – Trento, da ultima statistica ISTAT, è in testa quale provincia più sportiva d'Italia, primato al quale contribuiscono i tanti imprenditori e liberi professionisti del settore che consentono una diffusione di eccellenza della pratica sportiva in strutture rese competitive grazie agli investimenti dei privati, sotto l'aspetto organizzativo, funzionale, dei macchinari e delle attrezzature utilizzate.
«Una ricerca costante di eccellenza nel settore sportivo della quale beneficiano tanti trentini di ogni età e per le più svariate necessità: dalla preparazione sportiva ed atletica, passando per il semplice benessere fisico fino ad arrivare alla riabilitazione fisico-motoria e, pertanto, alla prevenzione e cura di diverse patologie, una su tutte l'obesità.»
 
«Inutile sottolineare ancora, pertanto, l'indiretto risparmio per la spesa sanitaria e pubblica alla quale contribuiscono le imprese del comparto sport.
La situazione attuale non mette a rischio, pertanto, solo l'economia delle imprese sportive e dei lavoratori, ma rischia di avere rilevanti ripercussioni sulla salute causa l'abbandono, o per i costi elevati della pratica o per la chiusura di molte strutture.»
Confcommercio Trentino, l'Associazione Attività di Servizio e le Imprese dello sport chiedono misure idonee ed interventi strutturali diretti a scongiurare una crisi che, diversamente, rischia di diventare sempre più inevitabilmente schiacciante.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande