Home | Economia | Commercio | Confesercenti: - 77% il lockdown delle assunzioni

Confesercenti: - 77% il lockdown delle assunzioni

Peterlana: subito liquidità agevolata e cassa integrazione per intervenire a tutala di imprese e occupazione

 
Il lockdown delle assunzioni. Chiamiamolo così. In aprile si sono registrate oltre 9.200 assunzioni in meno rispetto allo stesso mese del 2019 con un calo del 77%, che fa il paio con il meno 38% di marzo. E pensare che nei primi due mesi del 2020 c'era stata una leggera crescita (+204 assunzioni).
Nel complesso, rispetto a gennaio-aprile del 2019 si contano 12.484 assunzioni in meno per una variazione del -32,5%.
Il settore più colpito il terziario, con 10.234 assunzioni in meno per un -35,9%. Poco meno della metà di questo calo si deve al comparto dei pubblici esercizi, che rispetto ai primi quattro mesi dell'anno prima perde 5.346 assunzioni per un -50,6%.
Male commercio (-590 e -21,8%) e servizi alle imprese (-1.037 per un -29,4).
Massimiliano Peterlana, presidente Fiepet Confesercenti, commenta le difficoltà mettendo sul piatto possibili soluzioni per garantire le imprese e l'occupazione.
 
Commenti per altro già rilevati quando nei giorni scorsi è emerso il ristagno del commercio nel mese di aprile.
«Le imprese, con i fatturati in calo e in forte contrazione, avranno difficoltà anche nei prossimi mesi a garantire il rientro della forza lavoro dalla cassa integrazione e lo stiamo già vedendo - dice Peterlana - . È assolutamente necessario intervenire per tutelare le imprese e l’occupazione, rendendo immediatamente disponibili i ristori a fondo perduto, la liquidità agevolata e le risorse per la cassa integrazione.»
«Il decreto Rilancio - prosegue Peterlana - ha esteso di ulteriore 9 settimane la cassa integrazione con causale Covid, portandola a un totale di 18 settimane non continuative perché, nella migliore delle ipotesi, la cassa potrà essere richiesta solo da settembre. Rimane un buco nei mesi di luglio e agosto con i lavoratori che si ritroveranno senza soldi. Come si dovranno comportare? Chiediamo un intervento della Provincia per garantire una prosecuzione della cassa integrazione per i mesi scoperti dalla normativa attuale. I dipendenti non possono utilizzare gli ammortizzatori sociali in quanto i licenziamenti sono ancora bloccati.»
 
Da mettere in evidenza anche le richieste delle piccole imprese a conduzione familiare.
«Gli imprenditori - dice ancora il presidente di Fiepet Confesercenti - ci chiedono di semplificare e rendere più flessibile il lavoro. La ripresa sarà graduale, alle imprese occorrono strumenti flessibili. Vanno eliminati anche i costi dei contratti a termine e reintrodotti i voucher, almeno per i settori maggiormente colpiti.»
Infine, focus sui plateatici. «Sperando nel bel tempo - dice ancora Peterlana - per il nostro settore è al momento l’unico spazio utilizzabile. Ringraziamo tutti i Comuni che hanno accettato la nostra richiesta di ampliare gli spazi ed azzerare il costo di tale concessione. Tutti gli operatori stanno gestendo correttamente tutti gli spazi e le indicazioni delle linee guida rendendo le nostre città più belle, sicure e vive.»
 

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande