Home | Economia | Lavoro | Fenalt: «Vigili del fuoco senza tutele»

Fenalt: «Vigili del fuoco senza tutele»

La denuncia di una situazione paradossale che si protrae da anni: «Se si infortunano sul lavoro, devono attendere anni per essere rimborsati»

Di seguito riportiamo il comunicato della Fenalt di Trento, il cui contenuto è sconcertante.
Riguarda l'assistenza ai Figili del Fuoco infortunati.
Ovviamente non siamo in grado di confermare né smentire ciò che si legge nella nota.

Ma lo pubblichiamo proprio nella speranza che il dirigente provinciale incaricato risponda, o per smentire, o per dire che cosa intende fare la Provincia autonoma di Trento in merito.

I Vigili del Fuoco del Corpo Permanente di Trento non godono di un sistema di tutele idoneo in caso di infortunio, nel senso che non ricevono una tutela adeguata da parte della Provincia autonoma di Trento.
Nel momento in cui un Vigile del Fuoco subisce un infortunio durante il suo lavoro - così fondamentale per tutta la collettività trentina - viene abbandonato dal suo datore di lavoro, cioè la Provincia, e deve vedersela direttamente con l’assicurazione che la stessa Provincia - nel caso specifico tramite la Cassa Provinciale Antincendi - ha stipulato come copertura per gli infortuni stessi.
Per tutti gli altri dipendenti pubblici in caso di infortunio sul lavoro interviene l’INAIL, che copre e gestisce immediatamente ogni spesa e ogni incombenza.
Per i Vigili del Fuoco questo non vale, per una questione legale relativa a delle leggi statali.
Cosa assurda e incredibile visto il tipo di lavoro che sono chiamati a svolgere. Ma se a livello nazionale esiste un organo che si occupa di tutelare il dipendente e di gestire la pratica, ONA, a livello provinciale non esiste un corrispettivo.
 
Per la verità la Cassa Provinciale Antincendi nasce nel lontano 1954 per tutelare i Vigili del Fuoco in caso di infortuni, ma negli anni questo obiettivo è stato abbandonato.
Ultimo caso, un Vigile coinvolto in un incidente che ha avuto molto risalto anche a livello mediatico e che da quasi due anni aspetta che gli vengano rimborsate le spese ingenti che l'infortunio gli ha procurato.
Sfortunatamente ha dovuto essere sottoposto ad una serie di visite, interventi e cure specifiche per anni e ha dovuto anche essere sottoposto a visite per la valutazione del danno fisico subito.
Però, invece che beneficiare di un ente come INAIL che ha seguito il caso e si è preoccupata di tutelare il dipendente, è stato completamente abbandonato dalla Provincia: si è rivolto ad un avvocato, si è pagato tutte le cure per decine di migliaia di euro, ha dovuto districarsi con l’assicurazione nella speranza di vedersi rimborsare in futuro tutte le spese che ancora adesso non sono state corrisposte dopo anni.
 
La situazione è ovviamente paradossale e insostenibile e a nulla sono serviti i ripetuti incontri e solleciti al Dirigente Generale ing. Decol e al Dirigente Generale dott. Luca Comper.
In ogni caso è ora che si intervenga con l’immediata attivazione di una procedura a tutela dei Vigili del Fuoco in caso di infortunio, vista la fondamentale importanza degli stessi nel sistema di Protezione Civile Trentina.
La Fenalt chiede pertanto che la Giunta Provinciale prenda in carico immediatamente questa problematica delicatissima e faccia qualcosa per la tutela di tutto il sistema del Soccorso Trentino.

Maurizio Valentinotti
Segretario generale Fenalt

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande