Home | Economia | Ricerca e innovazione | Bermat, dal Trentino a Torino: ecco la nuova sportcar GT-Pista

Bermat, dal Trentino a Torino: ecco la nuova sportcar GT-Pista

L’auto progettata in Polo Meccatronica, con componenti stampati in 3D da ProM Facility, sarà presentata il 17 dicembre al Museo dell’Auto «Giovanni Agnelli»

image

>
«Leggiadra come una gazzella, potente come un’astronave»: si presenta così la nuova Bermat GT-Pista. Il veicolo, progettato dall’omonima impresa innovativa insediata in Polo Meccatronica a Rovereto, sarà presentato in anteprima il 17 dicembre al Museo dell’Auto di Torino. Alla versione «pista» seguiranno, nel 2022, le varianti stradali: endotermica ed elettrica. Leggera e resistente, la nuova sportcar ha una carrozzeria in fibra di carbonio, porte ad ali di gabbiano, cambio sequenziale a 6 rapporti ad innesti frontali e un powertrain che permette un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 4 secondi.
«Made in Trentino», e precisamente nel laboratorio di prototipazione ProM Facility, parte degli interni, in particolare i componenti di snodo della colonna dello sterzo, le ciglia per i fari, le maniglie, i loghi e le scritte, tutti stampati in 3D.
 
Quella dell’avvocato Matteo Bertezzolo, fondatore di Bermat, è un’impresa nel senso letterale del termine. È il 2008 quando la grande crisi dei mutui «subprime» innescata negli Stati Uniti arriva in Italia e poi nell’azienda per la quale lavorava. Le alternative, a quel punto, erano tre: cercare un nuovo impiego, darsi alla libera professione oppure cedere «all’attrazione fatale per i motori che avevo fin da bambino».
È così che nel 2015 Bertezzolo dà vita a una startup innovativa che si propone un obiettivo ambizioso: diventare una casa automobilistica di nicchia, offrendo a clienti di fascia medio-alta la possibilità di personalizzare attraverso un apposito software ogni aspetto, anche meccanico, della propria vettura, andando di fatto a progettarla da zero e rendendola quindi unica ed originale.
 

 
Nata in seno all’acceleratore Industrio Ventures e insediata in Polo Meccatronica, la startup, divenuta ormai PMI innovativa, ha chiuso con successo due campagne di equity crowdfunding sostenute da Trentino Sviluppo in veste di finanziatore istituzionale e oggi conta su importanti investimenti da parte di Invitalia e di altri investitori privati che hanno permesso di portare il team di lavoro a quattro persone.
«Il nostro progetto più recente – spiega Matteo Bertezzolo – è un telaio micro modulare brevettato a livello internazionale che permette di ottimizzare il progetto realizzativo di auto sportive biposto, personalizzabili a 360 gradi».
L’innovativo telaio è stato montato sulla nuova Bermat GT-Pista. La sportcar – il cui nome omaggia la cultura della Gran Turismo all’italiana – è stata costruita con il supporto di JAS Motorsport e il design dello Studio torinese Camal.
 
La vettura verrà presentata il 17 dicembre prossimo al Museo dell’Auto «Giovanni Agnelli» di Torino. Seguiranno poi – nel corso del 2022 – le varianti stradali, endotermica ed elettrica.
La Bermat GT-Pista è leggera e resistente. Ha una carrozzeria in fibra di carbonio e una silhouette d’altri tempi, che sembra muoversi anche da ferma, caratterizzata da linee scolpite, volumi organici e porte ad ali di gabbiano.
Il powertrain permette un’accelerazione da 0 a 100 km/h in circa quattro secondi, mentre il cambio, sequenziale a 6 rapporti ad innesti frontali e differenziale autobloccante, è azionabile con paddle-shift dedicato.
 

 
«Fondamentale nel percorso – continua Bertezzolo – è stata la vicinanza della nostra sede al laboratorio ProM Facility. Lì ci sono macchinari tecnologicamente avanzati, come scanner, software e stampanti 3D che ci hanno molto aiutati nella fase di progettazione, ma anche poi di realizzazione delle componenti».
Gli interni della nuova GT-Pista, infatti, in particolare i componenti di snodo della colonna dello sterzo, le ciglia per i fari, le maniglie, i loghi e le scritte sono stati stampati in 3D proprio nel laboratorio roveretano, al quale Bertezzolo continua a guardare in vista di nuove evoluzioni progettuali per la componentistica automotive da realizzare con la stampa 3D metallica.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande