Home | Economia | Ricerca e innovazione | Il via libera specifico dalla Giunta provinciale di Trento

Il via libera specifico dalla Giunta provinciale di Trento

Approvato l’atto aggiuntivo con FBK per le attività rientranti nel progetto AI@TN- Intelligenza artificiale

La Giunta provinciale ha approvato una delibera proposta dall’assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro Achille Spinelli che dà il via libera all’atto aggiuntivo con la Fondazione Bruno Kessler per le attività rientranti nel progetto AI@TN-Intelligenza artificiale a Trento. Il provvedimento mette quindi a disposizione tra 2022 e 2023 complessivamente 1,2 milioni di euro, aggiuntivi rispetto all’Accordo di Programma con la Fondazione Kessler, per la realizzazione delle attività previste nel progetto AI@TN che si concentreranno sulle applicazioni di intelligenza artificiale e che verranno realizzate anche in collaborazione con l’Università di Trento. Le nuove competenze acquisite rafforzeranno i nuclei di ricerca presenti sul territorio con l’obiettivo di avvicinare il Trentino alle applicazioni AI più avanzate, aprendo la strada all’impatto sul mercato e sulla società.
 
«Si tratta di un’importante dimostrazione di supporto alla ricerca nel settore dell’intelligenza artificiale. La Giunta provinciale ha voluto stanziare queste risorse per la costruzione di progetti innovativi che coinvolgeranno la Fondazione Kessler e l’Università degli studi Trento, con l’obiettivo di sviluppare ulteriori competenze e massa critica laddove il Trentino è già un’eccellenza riconosciuta, per continuare a crescere in vista delle sfide future» sottolinea l’assessore Spinelli.
L’importanza e la potenzialità dell’Intelligenza Artificiale (AI) è ormai riconosciuta e l’utilizzo dei suoi approcci è diffuso in molteplici settori come l’industria 4.0, l’agricoltura digitale, la digital finance, ma anche la salute e la sanità, i servizi alle persone e della pubblica amministrazione, le smart cities.
 
I nuovi scenari sono sempre più permeati da approcci capaci di combinare in modo sinergico diverse metodologie, tecnologie, discipline e competenze, anche di settori non direttamente connessi all’ambito tecnologico.
Molte delle sfide globali, che sono obiettivi delle politiche dei prossimi anni, dovranno essere affrontate anche attraverso l’AI. Affrontare queste sfide sarà possibile attraverso l’avvio di esperienze di ricerca trasversali a quelle tradizionali. Le necessità di oggi e del futuro si rivolgono infatti verso sistemi di AI in grado di capire le persone e farsi capire dalle persone, in grado di bilanciare autonomia e interazione. Una AI responsabile, affidabile e centrata sulle nostre esigenze («responsible, trustworthy and human centric AI»).
 
«Il Sistema trentino della Ricerca e dell’Innovazione grazie all’importante ruolo di FBK e dell’Università degli studi di Trento e con il contributo delle imprese e istituzioni pubbliche ha le competenze e la volontà per giocare un ruolo chiave. È pertanto di vitale importanza focalizzare uno specifico investimento aggiuntivo in questa nuova direzione di ricerca e sviluppo dell’AI come progetto condiviso tra gli attori del sistema e coordinato dalla Fondazione Bruno Kessler, che investendo anche su giovani talenti (dottorandi e postdoc) su progettualità congiunte, possa anche contribuire assieme alle competenze dell’Università di Trento a rafforzare il posizionamento del territorio nelle sfide scientifiche e tecnologiche. Sfide che emergono come prioritarie nel panorama attuale e ulteriormente enfatizzate nei grandi programmi di finanziamento europei e nazionali, sia sulle tematiche più vicine al mercato, sia sull’impatto sociale di tali tecnologie» assicura ancora l’assessore Spinelli.
 
Tali attività, investendo anche su giovani talenti (dottorandi e postdoc) su progettualità congiunte e sinergiche tra la Fondazione Bruno Kessler e l’Università di Trento, si concentreranno sulle applicazioni di frontiera sia a livello tecnologico, sia psicologico, etico e sociale. Risulta infatti necessario non solo che l’AI sia affidabile e verificabile ma anche utilizzabile nelle applicazioni più critiche per le persone e la società.
Il sostegno della Provincia autonoma di Trento di 1,2 milioni di euro sarà coadiuvato e co-finanziato da FBK e dall’Università degli studi di Trento, attraverso le competenze dei propri ricercatori esperti e dei professori che agiranno come mentori e affiancheranno i giovani ricercatori nei loro progetti e percorsi di crescita su queste linee di ricerca.
 
L’ambizione è quella di sostenere le attività applicative e le competenze di FBK e dell’Università di Trento attorno alle tematiche emergenti dell’intelligenza artificiale e il posizionamento del Trentino su queste tematiche, anche in vista della partecipazione del Sistema provinciale della ricerca e dell’innovazione ai bandi promossi dal Ministero dell’Università e della Ricerca che metteranno a disposizione importanti fondi a valere sul Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR).
Nei primi mesi dell’anno verrà organizzato un evento di lancio dell’iniziativa promosso dalla Provincia autonoma di Trento e dalla Fondazione Bruno Kessler in collaborazione con l’Università degli studi di Trento.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande