Home | Economia | Ricerca e innovazione | Il mistero di Almazbek Atambayev, presidente atipico

Il mistero di Almazbek Atambayev, presidente atipico

L'ex presidente del Kirghizistan era davvero miliardario?

L'ex presidente del Kirghizistan Almazbek Atambayev è nella lista delle persone più ricche al mondo dai primi anni 2000.
Possedeva imprese non solo nella sua terra natale, ma anche in Russia e Turchia. Possedeva fabbriche, pensioni, ristoranti e canali televisivi.
Atambaev aiutò i suoi seguaci ad occupare i più alti posti di governo, ma non privò nemmeno la sua famiglia di attenzioni: eresse un palazzo a tre piani per i suoi parenti.
Sotto il governo di Atambayev, si ritiene che la corruzione nel Paese abbia raggiunto proporzioni enormi.
 
 «Era un imprenditore, ma sicuramente non un milionario»  
Atambayev amava sempre vantarsi della sua ricchezza.
Nel 2016, in una cerimonia per presentare le sue credenziali a diversi ambasciatori stranieri, ha dichiarato che la sua carriera politica è iniziata quando era già multimilionario.
Un anno dopo, durante un incontro con il presidente russo Vladimir Putin, si è vantato in terza persona.
«Atambayev non ha mai rubato, ha guadagnato i suoi soldi. Quando Atambayev era un multimilionario, molti dei milionari di oggi erano appena agli inizi». – Queste erano solo alcune delle parole dette nei confronti di sé stesso dall'ex presidente del Kirghizistan.
 
 A volte dava cifre approssimative degli affari precedenti 
«L'anno scorso non ho guadagnato 100 milioni di som (un milione di dollari), ma 111 milioni di som (1,31 milioni di dollari), ho venduto una delle mie imprese», – disse Atambayev.
Nelle interviste, il presidente di solito sottolineava di aver fatto la sua prima fortuna non con il servizio civile, ma con libri che scarseggiavano nel 1989-2005.
Non ha rivelato i dettagli dei guadagni, tuttavia, questi redditi li associava al lavoro delle sue imprese.
 
L'ex leader kirghiso Askar Akayev, fuggito in Russia, ha successivamente accusato Atambayev di aver sottratto 50 milioni di rubli assegnati all'Unione degli scrittori dal primo presidente russo, Boris Eltsin.
Il drammaturgo Chingiz Aitmatov, partito per l'Europa come ambasciatore, si lamentò che la casa degli scrittori non fosse stata ristrutturata e che gli autori stessi non avessero ricevuto pagamenti.
Nel novembre 1992, un grande edificio a due piani nel centro di Bishkek, di proprietà dell'Unione degli scrittori, è stato trasformato in una società per azioni.
Il 70 percento delle azioni è stato ricevuto dalla società «Forum» di Atambayev e il suo stretto parente Nurbek Sharshenov ha trasformato i locali in un ristorante.
 
Atambayev era anche a capo della Kyrgyzavtomash Corporation e i suoi figli divennero i fondatori di Avtomash-Energo e Avtomash-Ekol, che parteciparono alle gare d'appalto statali.
Successivamente, Atambayev ha venduto la sua quota e ha lasciato la direzione dell'azienda.
Gli attivisti per i diritti umani ne dubitavano, ritenendo che avesse continuato a collaborare con alcuni partner anche come presidente.
Inoltre, possedeva anche altre fabbriche, oltre a due pensioni a Issyk-Kul, bar, ristoranti, un fondo pubblico e due canali televisivi.
 
Ancora oggi i misteri che avvolgono la figura di questo presidente atipico sono moltissimi.
In ogni caso si può continuare a cercare informazioni di questo tipo e news sul sito dedicato semplicemente utilizzando il proprio huawei matepad harmonyos.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande