Home | Economia | Ricerca e innovazione | Yousign: l'utilizzo ottimale della firma elettronica

Yousign: l'utilizzo ottimale della firma elettronica

La differenza di impego tra la firma semplice e quella elettronica avanzata

Sia nell'universo del business che nella vita quotidiana dei privati, è sempre più evidente l'esigenza di accelerare qualsiasi contratto, renderlo eseguibile ovunque e, soprattutto, proteggere la privacy delle parti contraenti.
Quando vuoi aprire un conto bancario, rendere operativa una polizza assicurativa, presentare una domanda alla Pubblica Amministrazione, hai necessità di firmare una documentazione.
La firma autografa, cioè l'apposizione sul documento cartaceo del tuo nome e cognome, è stato, fin dalle epoche più remote, la modalità, ovunque accettata, per validare l'approvazione.
Tuttavia, la società moderna richiede una rapidità di risposta che questa metodologia non consente.
Quindi, il progresso tecnologico ha consentito di esplorare una nuova forma, ugualmente valida, di sottoscrizione o di approvazione: la firma elettronica.
 
 Che cos'è la firma elettronica  
La firma elettronica corrisponde all'equivalente elettronico, cioè effettuato tramite dispositivi elettronici come computer o smartphone, della firma autografa. Il suo uso ha avuto uno sviluppo notevole, essendo lo strumento più efficiente per garantire l'autenticazione, senza pericolo di falsificazione. Si tratta di un insieme di dati e informazioni elettroniche che confermano l'identificazione.
Nel passato, anche relativamente recente, per poter firmare un documento, in segno di approvazione, dovevi riceverlo in forma cartacea, ad esempio attraverso il canale postale, oppure stamparne una copia.
Il passo successivo sarebbe stato apporre la tua firma e poi inviare il documento, attraverso i soliti canali, magari corredato della copia di un documento d'identità, con tutti i rischi di privacy collegati.
Con la firma elettronica, tutto ciò è stato superato, semplificando l'intero procedimento.
 

 
 Quali sono le differenze tra firma autografa e firma elettronica  
La firma autografa è sempre stata utilizzata per identificare legalmente una persona.
È composta, in genere, da tratti grafici che contengono nome e cognome di una persona.
Viene tracciata manualmente su carta e rappresenta la paternità o l'approvazione del documento su cui viene apposta.
Quando la nostra società ha subito le innovazioni che hanno condotto a una massiccia trasformazione di molti processi, da analogici a digitali, anche la firma autografa, vergata a mano, è stata rinnovata, diventando elettronica.
Una firma autografa corre il rischio della contraffazione, mentre quella elettronica può garantire la prevenzione di frodi e un alto livello di sicurezza.
Una notazione per valutare più positivamente la firma elettronica rispetto alla tradizionale firma autografa è l'attenzione all'ambiente: dematerializzare la documentazione, evitando l'uso eccessivo di carta e inchiostri, rappresenta decisamente un passo verso un futuro più pulito.
 
 Yousign, la società europea per la tua firma elettronica  
L'Unione Europea si è sempre spesa, con tutte le proprie regolamentazioni, per garantire, nei procedimenti offline e online, l'assoluta osservanza di privacy e sicurezza.
Yousign, azienda che propone una delle soluzioni di firma elettronica più originali ed efficienti, è una società europea, diversamente da altri gruppi come docusign, e, come tale, risponde alle direttive stringenti dettate dalle autorità.
I dati archiviati sono crittografati a 256 bit e l'accesso protetto da VPN. Gli eventuali punti vulnerabili sono continuamente testati e controllati e la sicurezza dipende da sistemi ridondanti.
Il processo è semplice e intuitivo, i prezzi trasparenti e flessibili a seconda delle diverse esigenze.
Infine, una delle caratteristiche distintive è la puntualità del team di Assistenza Clienti, che garantisce una soluzione veloce ai piccoli e grandi problemi che si possono verificare durante l'uso di procedure informatiche da remoto.
 
 Quando scegliere FES e quando FEA  
La FES è la firma elettronica semplice.
Per identificare il soggetto che appone la propria firma, viene usato un insieme di dati elettronici, collegati in modo inequivocabile ad altri.
Si tratta della forma più semplice di identificazione ed è destinata a confermare l'identità in tutti quei casi in cui non è indispensabile avere una sicurezza assoluta.

La FEA OTP è, invece, una firma elettronica avanzata.
Con essa, l'autenticazione avviene tramite il codice OTP che arriva tramite sms e la contemporanea validazione con l'utilizzo di un particolare software di riconoscimento e controllo del documento d'identità.
Questo procedimento assicura una maggior sicurezza, destinata alla firma di documenti legalmente rilevanti.

Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande