Home | Economia | Ricerca e innovazione | Ricerca, all’università di Trento 2 nuovi finanziamenti europei

Ricerca, all’università di Trento 2 nuovi finanziamenti europei

La prorettrice alla ricerca Francesca Demichelis: «Un riconoscimento di rilievo internazionale per due docenti del nostro Ateneo, Elena Franchi e Nicola Segata»

Ancora una volta la ricerca UniTrento mostra di avere tutte le carte in regola per sbaragliare la concorrenza scientifica in una selezione molto competitiva qual è quella per ottenere i finanziamenti dell’European Research Council.
Nel giorno in cui il Consiglio europeo della ricerca ha annunciato l’assegnazione degli ultimi grant su bando 2021 a sostegno di progetti di eccellenza presentati da istituzioni accademiche e di ricerca, l’Università di Trento si è vista riconoscere due proposte finanziate.
I due grant fanno parte dei 30 conferiti all’Italia sui 313 assegnati dall’European Research Council a scienziati e scienziate in fase di consolidamento della propria posizione di indipendenza e di leadership nella ricerca (Erc Consolidator) che prevedeva un budget complessivo di 632 milioni. Le proposte arrivate erano state 2.652 e solo il 12% di esse è stato ammesso a finanziamento.
 
L’Ateneo di Trento ha vinto con Elena Franchi (Dipartimento di Lettere e Filosofia) per un progetto su federalismo e frontiere nella Grecia antica (FeBo - Federalism and Border Management in Greek Antiquity) e con Nicola Segata (Dipartimento di Biologia cellulare, computazionale e integrata) per uno studio sull’impatto sulla salute della trasmissione del microbioma umano (microTOUCH - Transmission of the human microbiome and its impact on health).
I due nuovi finanziamenti si vanno ad aggiungere ai 31 che UniTrento ha ottenuto da quando, nel 2007, l’European Research Council eroga grant in tutta Europa. Il conferimento di ciascun grant avviene al termine di una selezione su base competitiva, in cui l’unico criterio di valutazione è l’eccellenza scientifica del progetto e il curriculum di chi lo propone.
 
La prorettrice alla ricerca Francesca Demichelis esprime soddisfazione: «Un riconoscimento di elevato rilievo internazionale per due docenti del nostro Ateneo, Elena Franchi e Nicola Segata. Colpisce la centralità dei loro programmi di ricerca rispetto a temi quantomai attuali, quali la salute e il federalismo.
L’assegnazione di questi due finanziamenti da parte dell’European Research Council è motivo di orgoglio per l’Università di Trento che continua a coltivare eccellenze in molti ambiti di ricerca».
La partecipazione a programmi di finanziamento internazionali rappresenta uno dei punti di forza della politica della ricerca in UniTrento, che supporta scienziati e scienziate in tutte le fasi del complesso processo di accesso e gestione dei fondi.
 
Finanziamenti Erc a UniTrento
UniTrento ha ottenuto il finanziamento di 33 progetti Erc, dei quali 17 in Horizon 2020 e 16 nel VII Programma Quadro per un totale di circa 44 milioni di euro.
I finanziamenti sono stati assegnati all’Ateneo dall’European Research Council in seguito a una procedura di valutazione altamente competitiva.



Condividi con: Post on Facebook Facebook Twitter Twitter

Subscribe to comments feed Commenti (0 inviato)

totale: | visualizzati:

Invia il tuo commento comment

Inserisci il codice che vedi sull' immagine:

  • Invia ad un amico Invia ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Plain text Versione solo testo

Pensieri, parole, arte

di Daniela Larentis

Parliamone

di Nadia Clementi

Musica e spettacoli

di Sandra Matuella

Psiche e dintorni

di Giuseppe Maiolo

Da una foto una storia

di Maurizio Panizza

Letteratura di genere

di Luciana Grillo

Scenari

di Daniele Bornancin

Dialetto e Tradizione

di Cornelio Galas

Orto e giardino

di Davide Brugna

Giovani in azione

di Astrid Panizza

Nella botte piccola...

di Gianni Pasolini

Gourmet

di Giuseppe Casagrande

Cartoline

di Bruno Lucchi

L'Autonomia ieri e oggi

di Mauro Marcantoni

I miei cammini

di Elena Casagrande